IVA

Che cos’è l’IVA? Si tratta un’imposta indiretta sui consumi che si applica sul valore aggiunto di ogni fase della produzione e dello scambio di beni e servizi ed è in vigore in 63 Paesi del mondo. Secondo l'Unione Europea, l'aliquota IVA standard deve essere almeno del 15%.

Il calcolo dell’IVA si basa sull’aumento di valore che un bene o un servizio acquisisce ad ogni passaggio economico, il cosiddetto valore aggiunto; dalla produzione fino al consumo finale. Ed è proprio il consumatore finale a sobbarcarsi per il costo dell’Iva, attraverso un sistema di detrazione e rivalsa, mentre per l'imprenditore o il professionista, cioè i soggetti passivi dell’imposta, l'IVA rimane neutrale.

Chi vende beni o servizi infatti detrae l'imposta pagata sugli acquisti (di altri beni e servizi effettuati nell'esercizio d'impresa) dall'imposta addebitata a titolo di rivalsa agli acquirenti dei beni o dei servizi prestati. L'IVA pende quindi soltanto sul capo di chi non ha diritto alla detrazione quindi sui clienti e consumatori finali.

Dal 1° ottobre 2013 in Italia l’aliquota Iva standard è passata dal 21% al 22%. Il secondo aumento di un punto percentuale nel giro di due anni. L’aliquota era infatti salita dal 20 al 21% a far data dal 17 settembre del 2011.

All'entrata in vigore dell’Iva in Italia, il 1º gennaio 1973, l'aliquota ordinaria, cioè quella che si applica alla maggior parte di beni o servizi, era al 12%. È salita al 14% nel 1977, al 15% nel 1980, al 18% nel 1982, al 19% nel 1988, al 20% nel 1997 e appunto al 21% nel 2011. Fino all’ultimo, sofferto, aumento con indubbie ricadute negative previste per i già asfittici consumi interni, mentre dovrebbero scamparla le nostre vendite all’estere, anche extra Ue, non gravate dell’Iva all’origine.

In Italia esistono tre aliquote IVA. Quella minima, al 4%, si applica a beni e servizi di prima necessità (alimentari, stampa quotidiana e periodica, prima casa). Quella ridotta, al 10%, viene applicata ai servizi turistici (alberghi, bar, ristoranti e altri prodotti turistici), a determinati prodotti alimentari e a operazioni di recupero edilizio. Ordinaria o standard: cioè l’aliquota che da ottobre 2013 è salita al 22% e che si applica in tutti i casi in cui la normativa non prevede una delle due precedenti aliquote.

Fisco: tutte le scadenze di maggio

Scadenze fiscali maggio 2017: dall'Iva al canone tv tutto quello che c'è da pagare. Continua...

Tassa sui funerali allo studio del Senato

Tassa sulla morte? L'ultima trovata per mettere una nuova gabella, in discussione a Palazzo Madama. Continua...

Rottamazione cartelle anche per multe e IVA

Rottamazione delle cartelle di Equitalia e altre misure di recupero dell'evasione per avere entrate pari a 3,1 miliardi... Continua...

Mancata riscossione Iva: Italia prima in Europa

Iva non riscossa. Il rapporto della commissione UE. Nel 2014 in Europa persi 160 mld di Iva, il 28% solo in Italia. Continua...

Studi di settore superati: cos'è l'indicatore di compliance

Dagli studi di settore all'indicatore di compliance: ecco che cos'è. Tutte le novità. Continua...

Tax gap IVA al 30%. Orlandi: Cambiare cadenza imposta

A tanto ammonta in Italia il mancato gettito dell'imposta sui consumi secondo FMI e OCSE. Continua...

Confcommercio: aumentare l'Iva sarebbe un boomerang

La relazione all'Assemblea 2016 di Confcommercio del presidente Carlo Sangalli. Consumi +0,3% mensile e +1% annuo ad... Continua...

Con aumento Iva batosta da 922 euro a famiglia

Non salirebbe solo l'Iva ordinaria, dal 22% al 25%, anche l'aliquota Iva ridotta, oggi al 10%, salirà al 13% nel 2017.... Continua...

Fisco: le novità allo studio per partite Iva e autonomi

La mini riforma nel suo complesso dovrebbe venire incontro a chi ha una partita Iva ma non ha dimensioni sufficienti per... Continua...

Se l'Iva aumenta +414 euro a famiglia nel 2017

Qualora scattassero le clausole di salvaguardia della legge di Stabilità per ogni famiglia l’aggravio sarebbe di 922... Continua...