IVA

Che cos’è l’IVA? Si tratta un’imposta indiretta sui consumi che si applica sul valore aggiunto di ogni fase della produzione e dello scambio di beni e servizi ed è in vigore in 63 Paesi del mondo. Secondo l'Unione Europea, l'aliquota IVA standard deve essere almeno del 15%.

Il calcolo dell’IVA si basa sull’aumento di valore che un bene o un servizio acquisisce ad ogni passaggio economico, il cosiddetto valore aggiunto; dalla produzione fino al consumo finale. Ed è proprio il consumatore finale a sobbarcarsi per il costo dell’Iva, attraverso un sistema di detrazione e rivalsa, mentre per l'imprenditore o il professionista, cioè i soggetti passivi dell’imposta, l'IVA rimane neutrale.

Chi vende beni o servizi infatti detrae l'imposta pagata sugli acquisti (di altri beni e servizi effettuati nell'esercizio d'impresa) dall'imposta addebitata a titolo di rivalsa agli acquirenti dei beni o dei servizi prestati. L'IVA pende quindi soltanto sul capo di chi non ha diritto alla detrazione quindi sui clienti e consumatori finali.

Dal 1° ottobre 2013 in Italia l’aliquota Iva standard è passata dal 21% al 22%. Il secondo aumento di un punto percentuale nel giro di due anni. L’aliquota era infatti salita dal 20 al 21% a far data dal 17 settembre del 2011.

All'entrata in vigore dell’Iva in Italia, il 1º gennaio 1973, l'aliquota ordinaria, cioè quella che si applica alla maggior parte di beni o servizi, era al 12%. È salita al 14% nel 1977, al 15% nel 1980, al 18% nel 1982, al 19% nel 1988, al 20% nel 1997 e appunto al 21% nel 2011. Fino all’ultimo, sofferto, aumento con indubbie ricadute negative previste per i già asfittici consumi interni, mentre dovrebbero scamparla le nostre vendite all’estere, anche extra Ue, non gravate dell’Iva all’origine.

In Italia esistono tre aliquote IVA. Quella minima, al 4%, si applica a beni e servizi di prima necessità (alimentari, stampa quotidiana e periodica, prima casa). Quella ridotta, al 10%, viene applicata ai servizi turistici (alberghi, bar, ristoranti e altri prodotti turistici), a determinati prodotti alimentari e a operazioni di recupero edilizio. Ordinaria o standard: cioè l’aliquota che da ottobre 2013 è salita al 22% e che si applica in tutti i casi in cui la normativa non prevede una delle due precedenti aliquote.

Aumento Iva alle viste secondo la commissione Ue

Ue: le clausole di salvaguardia per l'aumento dell'Iva scatteranno perché la spending review è stata sopravvalutata. Continua...

Def, sondaggio: meglio tagli ai Comuni che aumento dell'Iva

Def: Renzi ieri aveva escluso ulteriori tagli sui trasferimenti ai Comuni per il prossimo biennio Continua...

Autonomi: la crisi ha bruciato 475.000 posti di lavoro

Confesercenti chiede che venga creato un Testo Unico del lavoro autonomo. Continua...

Voluntary disclosure: guida dell'Agenzia delle Entrate

Circolare sulla Voluntary disclosure delle Entrate: vale anche per Iva, Irap e Irpef fino al 30 settembre 2015 Continua...

Partite Iva -30% a gennaio

Partite iva in caduta libera a gennaio a causa della legge di stabilità che aveva cambiato le regole di adesione al... Continua...

Il Giappone esce dalla recessione

Tokyo esce dalla recessione ma crescita inferiore alle attese Continua...

Partite Iva, più tasse. Poletti: "il governo ha sbagliato, rimedieremo"

Partite Iva, più tasse fino al 33%. Il titolare del Lavoro Poletti parla di Jobs act a Radio Anch'io e all'Università... Continua...

Nuovo regime dei minimi dal 2015: boom di Partite Iva a novembre 2014

Professionisti e autonomi con ricavi fino a 15mila euro con i nuovi minimi pagheranno maggiori tasse Continua...

Partite Iva: più tasse con il nuovo regime dei minimi

Professionisti e agenti di commercio con ricavi fino a 15 mila euro pagheranno tasse maggiori per oltre 700 euro... Continua...

Sconto Irap del 10% per gli autonomi

Irap, credito d'imposta del 10%, a chi è rivolto e come funziona. Continua...