ICC Confcommercio: a febbraio consumi in salita dello 0,4% annuo

Cresce la fiducia di famiglie e imprese ma i consumi su base mensile sono in calo. L'Icc di Confcommercio

L'indice dei consumi elaborato da Confcommercio sale su base annua a febbraio 2015. L'Icc registra un calo dello 0,1% sul mese precedente ma cresce dello 0,4% rispetto allo stesso mese del 2014, segno che secondo l'Ufficio studi dell'associazione dei commercianti mostra la tendenza al miglioramento in atto dalla scorsa estate.

La flessione su base mensile è la prima dopo sei mesi e:

"si inserisce in un contesto in cui non mancano elementi d'incertezza caratteristici delle fasi di transizione tra cicli economici".

Il clima di fiducia complessivo delle famiglie fa segnare un ulteriore aumento, per tornare su livelli pre- crisi, sui valori di inizio 2007, grazie al rafforzamento delle aspettative positive dei consumatori sia relative alla componente personale sia alla situazione presente e futura del paese.

In relazione ai diversi settori di spesa, Confcommercio spiega che gli unici aumenti rispetto a gennaio, hanno riguardato la domanda di beni e servizi per la mobilità (+0,5%), in scia all'andamento positivo delle vendite di auto e di beni e servizi per la casa (+0,1).

Sempre a febbraio si segnala invece un calo della spesa per abbigliamento e calzature (-0,8%) rispetto a gennaio (mese dei saldi invernali) ma anche per alimentari, bevande e tabacchi (-0,4%).

La flessione tocca anche i beni e servizi per la cura della persona (-0,2%), ricreativi (-0,1%), per le comunicazioni (-0,1%), gli alberghi, i pasti e i consumi fuori casa (-0,1%).

Lato imprese il sentiment generale migliora raggiungendo i livelli del 2008, spinto delle aspettative in ascesa per tutti i settori economici, specie dei servizi di mercato e delle costruzioni.

Consumi  febbraio Confcommercio

  • shares
  • +1
  • Mail