Il reddito minimo secondo l'Inps di Boeri

La proposta dell'Inps sul reddito minimo per gli over 55 dovrà essere valutata dal governo che non sembra però per niente convinto.

reddito minimo garantito  inps

Un reddito minimo che scatterebbe tra i 55 e i 65 anni, secondo la proposta che l’Inps presenterà in dettaglio a giugno e di cui il presidente Tito Boeri ha voluto dare oggi un'anticipazione. Boeri ha parlato di:

“un reddito minimo garantito per le persone tra i 55 e 65 anni. Non credo che dare loro un trasferimento, che sarà basso li esponga al rischio di non mettersi in cerca di un lavoro”.

In quanto si tratta di persone che

“difficilmente trovano un nuovo impiego (solo il 10%)”

Invece i giovani il lavoro lo trovano molto facilmente, come dimostrano i dati sulla disoccupazione giovanile, risalita oltre il 42% a febbraio (42,6%).


Boeri aveva già acceso il faro nei giorni scorsi su quella fascia di età sottolineando che:

"uno dei problemi più seri che noi vediamo è quello della generazione tra i 55 e i 65. Riteniamo che ci sono delle persone che hanno delle pensioni molto alte che non sono giustificate dai contributi che hanno versato durante l'intero arco della vita lavorativa. A mio giudizio c'è un problema di equità che andrebbe affrontato. In particolare si può chiedere a queste persone di poter dare qualcosa per contrastare la povertà, soprattutto nella fascia 55/65 anni. Vogliamo per queste generazioni trovare un modo per contrastare la povertà e dare la possibilità di andare in pensione prima in modo sostenibile, quindi avendo una pensione più bassa".

La proposta dovrà essere valutata dal governo che non sembra però per niente convinto. Il ministro del lavoro Giuliano Poletti qualche giorno fa durante un question time in parlamento aveva spiegato che tagli o contributi di solidarietà per le pensioni superiori ai 2.000 euro mensili non sono all'ordine del giorno dell'esecutivo Renzi.

L'Inps è:

"uno strumento importante a supporto dell'azione del governo e del parlamento. Fa elaborazioni interessanti ma il lavoro comunque compete al governo"

ha precisato Poletti, che è al lavoro sulla sua proposta di riforma del sistema pensionistico.


  • shares
  • +1
  • Mail