Assicurazione Rc auto: attestato di rischio su Facebook

L'attestato telematico dovrà contenere la tipologia del danno liquidato, mentre la stipulazione del contratto sarà acquisita direttamente dalle assicurazioni attraverso l'accesso alla Banca dati degli attestati di rischio. L'Ivass spiega la novità.

rc auto attestazione rischio telematica

Il nuovo attestato di rischio telematico dell'assicurazione Rc Auto da giugno sarà disponibile anche via social, su Facebook e Twitter ma anche su Whatsapp.

La novità, fa sapere L'Ivass (l'autorità di vigilanza sulle assicurazioni), riguarda i contratti di assicurazione in scadenza dal primo luglio 2015 e prevede che l'attestazione sullo stato del rischio venga consegnato online al contraente con 30 giorni almeno di anticipo dalla prima della scadenza del contratto.

Finora l'attestazione del rischio veniva inviata solo in forma cartacea, per posta, a casa. Questo significa che le compagnie assicurative dovranno obbligatoriamente mettere a disposizione l'attestato di rischio sul proprio sito web ma potranno optare anche per altre modalità telematiche alternative che è possibile attivare su richiesta del contraente, come la posta elettronica, le app per smartphone o tablet, o via Facebook, Twitter e così via.

In ogni caso l'assicurato potrà richiedere anche copia cartacea dell'attestazione di rischio che però non sarà più consegnata a domicilio.

"La novità fondamentale è che abbiamo invertito l'onere della prova. Prima in caso di mancata consegnato dell'attestato di rischio il contraente poteva rischiare la massima penalizzazione in classe di merito, oggi se in banca dati non e' presente la sua situazione assicurativa le imprese devono accettare una dichiarazione sostitutiva e sta a loro fare i controlli"

spiega Antonio De Pascalis, capo servizio studi dell'Ivass.

La gestione delle informazioni sarà affidata per questo debutto dell'attestazione telematica del rischio alla banca dati Ania (Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici) perché è già esistente. L'Ivass dal canto suo con provvedimenti ad hoc ha stabilito le modalità di consultazione e i criteri di individuazione della classe di merito. L'attestato telematico dovrà contenere la tipologia del danno liquidato - se si tratta di danni solo a cose, a persone o misti - mentre la stipulazione del contratto sarà acquisita direttamente dalle compagnie, sempre online, attraverso l'accesso alla Banca dati degli attestati di rischio.

  • shares
  • +1
  • Mail