Industria: a marzo prezzi alla produzione invariati su mese, -2,4% su anno

Escluso il settore energia l'Istat registra una variazione congiunturale nulla e un incremento dello 0,1% su base tendenziale dei prezzi alla produzione.

 Prezzi alla produzione industriale marzo istat

A marzo l'indice dei prezzi alla produzione dei prodotti industriali rimane invariato rispetto al mese precedente ma cala del 2,4% rispetto a marzo 2014 secondo i dati Istat diffusi oggi. A febbraio scorso l'indice era cresciuto dello 0,6% su base congiunturale scendendo del 2,5% su base tendenziale.

Più in dettaglio, i prezzi dei prodotti venduti sul mercato interno calano dello 0,1% sul precedente mese di febbraio e del 3,1% su base annua. Escluso il settore energetico l'Istat registra a marzo 2015 una variazione congiunturale nulla e un incremento dello 0,1% su base tendenziale.

I prezzi dei beni venduti sul mercato estero mostrano un aumento dello 0,1% su base congiunturale, per un calo dello 0,1% per l'eurozona e una crescita dello 0,3% per l'area non euro. Su base annua la diminuzione dei prezzi è dello 0,1%, sintesi di una flessione dello 0,6% per l'eurozona e di una crescita dello 0,2% per l'area non euro.

A pesare di più sul calo tendenziale dei prezzi dei beni venduti sul mercato interno è il comparto energetico che fa segnare un -3%. Sul mercato estero invece la dinamica è influenzata negativamente dall'energia sia per l'area euro (-0,6%) che per l'area non euro (-0,9%).

Il settore di attività economica in cui si riscontra il calo annuo dei prezzi più accentuato è quello della fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati, per una diminuzione dell'11% sul mercato interno e del 22,4% su mercato estero.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail