Istat: Italia in deflazione ad aprile

-0,1% annuo a causa soprattutto del persistere della vasta diminuzione dei prezzi dei beni energetici. Su base mensile i prezzi sono aumentati dello 0,2%

deflazione Italia aprile

Italia sempre in deflazione ad aprile dopo il -0,1% annuo di marzo. L'Istat rivendendo le più ottimistiche stime preliminari che indicavano un dato tendenziale invariato si corregge e spiega che l'indice dei prezzi al consumo fa segnare un -0,1% su base annua.

Su base mensile invece i prezzi sono aumentati dello 0,2% il mese scorso secondo l'indice Nic dei prezzi al consumo. Il dato congiunturale è stato rivisto da +0,3% mentre in questo quadro l'inflazione acquisita per il 2015 si azzera.

Questo è il quarto mese consecutivo che l’indice generale dei prezzi al consumo fa registrare una flessione su base tendenziale, ascrivibile alla consistente diminuzione dei prezzi dei beni energetici (-6,4% da-6,5% a marzo) cui si aggiunge ad aprile il calo annuo dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (-0,6%, da +0,5% di marzo), di quelli Servizi relativi all’abitazione (-0,2%, da -0,1% del mese precedente) e di quelli delle Comunicazioni (-0,1%, da +1,0% di marzo).

L'inflazione di fondo, quella cioè al netto dei beni energetici e degli alimentari freschi, cala ad aprile a +0,3%. Al netto solo dei beni energetici l'inflazione rimane stabile a +0,6%.

I prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza sono invariati sia su base mensile che su base annua. I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona fanno segnare invece una variazione congiunturale nulla e una crescita dello 0,8% tendenziale.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail