Riforma delle pensioni: l’Inps ringrazia S. Precario

S. Precario Da anello debole a colonna portante del sistema previdenziale i lavoratori parsubordinati sembrano al momento aver contribuito significativamente all’avanzo record (3,1 miliardi ) del bilancio di previsione Inps. Quasi paradossale se si pensa che collaboratori coordinati e continuativi, a progetto, professionisti senza cassa pensionistica, venditori porta a porta, amministratori e sindaci di società, lavoratori online sono in realtà classi di lavoratori assolutamente sfavorite dal sistema previdenziale.

Cosa ha portato quindi i lavoratori atipici al centro della crescita economica del bilancio Inps?

Naturalmente la riforma Bersani con i suoi forti aumenti contributivi (+ 4,80 punti quale percentuale massima) introdotto da gennaio 2007 per i lavoratori parasubordinati. L’aumento delle aliquote contributive, rideterminate per tutte le tipologie di “precari” ha mantenuto in piedi il bilancio Inps con 6,8 miliardi di attivo.
Ricordiamo infatti che dal 1° gennaio 2007 i contributi, di tre misure fino a dicembre 2006, scendono a due misure:


  • 23,50% dei compensi = per i lavoratori che non hanno altre assicurazioni obbligatorie e non hanno una pensione (sono i cosiddetti "puri", che vivono dei soli proventi da co.co.co),

  • 16,00% dei compensi = per tutti gli altri lavoratori.

Il contributo del 16% è interamente dedicato alla pensione. Quello del 23,50% si divide in due quote:


  • il 23,00% finanzia le pensioni,

  • lo 0,50% finanzia l'assicurazione per maternità, per malattia e per assegni familiari.

Il contributo si ripartisce per due terzi a carico dei committenti ( rispettivamente 15,67% e 10,67%) e per un terzo a carico dei lavoratori (rispettivamente 7,83% e 5,33%) (v. Inps)

Qual è l’effetto immediato del sacrificio dei lavoratori atipici?

Secondo alla relazione del CdA i dati piu' significativi vedono un miglioramento dell'avanzo che si attestera' sui 3,1 mld con un miglioramento di 2,9 mld rispetto ai 137 milioni delle previsioni iniziali; 128 mld di entrate contributive, con un incremento di 3,6 mld rispetto alle previsioni originarie; 187 mld di prestazioni istituzionali, con un incremento di 1,6 mld rispetto alle previsioni iniziali. Per effetto del previsto risultato economico di esercizio, il patrimonio netto dell'Inps al 31 dicembre 2007 e' aggiornato in 27.951 milioni di euro.

  • shares
  • +1
  • Mail