Export: boom nell'area extra Ue a marzo, surplus bilancia commerciale di 4,060 miliardi

Istat: nei primi tre mesi del 2015 l'avanzo commerciale è stato pari a 7,8 miliardi.Vendite extra Ue trainate dall'euro debole.

import export italia marzo

A marzo il saldo della bilancia commerciale italiana ha fatto segnare un surplus di 4,060 miliardi di euro contro il disavanzo di 3,842 miliardi registrato nello stesso mese dell'anno scorso, secondo i dati Istat diffusi oggi.

Gli scambi con i Paesi Ue hanno mostrato un surplus di 487 milioni rispetto ai 1,137 miliardi di marzo 2014. Le esportazioni complessive, quindi anche extra Ue, sono cresciute a marzo del 9,2% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, trainate appunto dall'area extra europea (+13,2%), grazie all'euro debole, e facendo registrare un vero e proprio boom verso Usa e paesi dell'area Opec

L'aumento dell'export rispetto al precedente mese di febbraio è stato dell'1,8% mentre nel primo trimestre del 2015 la crescita totale della vendite è stata dell'1,2%. Sempre nei primi tre mesi del 2015, l'avanzo commerciale è stato pari a 7,8 miliardi, 1,4 miliardi al netto dei prodotti energetici.

A marzo di quest'anno il saldo è stato positivo per 4 miliardi, in salita dai 3,8 miliardi dello stesso periodo dell'anno scorso, ma esclusa l'energia, la bilancia commerciale risulterebbe in attivo per 7,1 miliardi. Le importazioni sono cresciute del 9,7% su base annua. Il consistente incremento è determinato dalla crescita degli acquisti sia dall'area Ue (+10,1%) sia da quella extra Ue (+9,1%).

La forte crescita tendenziale sia di import che di export, spiega l'Istat, è condizionata da una differenza nei giorni lavorativi: 22 a marzo 2015 contro i 21 a marzo 2014. In netta crescita gli acquisti dalla Cina (+51,9%) e quelli di articoli sportivi, giochi, strumenti musicali, preziosi, strumenti medici e altri prodotti n.c.a. (+28,5%).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail