L'Istat conferma: Italia fuori dalla recessione

La variazione acquisita del Pil per il 2015 è pari a +0,2%. Il Belpaese a maggio si mette alle spalle la deflazione.

Aggiornamento ore 13:00. Sempre oggi l'Istat comunica che a maggio l'indice annuo dei prezzi al consumo risale a +0,2% dal -0,1% di aprile. Si tratta di una stima preliminare che mostra il segno più dopo quattro mesi consecutivi di deflazione.

L'Italia è fuori dalla recessione dopo tre anni consecutivi di Pil su valori negativi. Nel primo trimestre del 2015 il Prodotto interno lordo corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato è aumentato infatti dello 0,3% sull'ultimo trimestre del 2014.

L'Istat conferma oggi la stima preliminare diffusa il 13 maggio scorso, per una crescita del Pil che risulta essere stata dello 0,1% nei confronti del primo trimestre del 2014; si tratta del rialzo maggiore da quattro anni a questa parte.

Il dato tendenziale è stato rivisto all'insù, precedentemente l'Istat aveva indicato una variazione nulla, per quello che è il primo aumento su base annua dopo 13 trimestri negativi.

Nei primi tre mesi del 2015, rispetto al trimestre precedente, i principali aggregati della domanda interna hanno mostrato andamenti dissimili con i consumi finali nazionali in leggero calo (-0,1%) e gli investimenti fissi lordi cresciuti dell'1,5%. Per quanto riguarda gli scambi con l'estero, le importazioni sono aumentate dell'1,4% mentre le esportazioni sono rimaste stabili.

L'Istituto nazionale di Statistica ricorda che il primo trimestre dell'anno in corso ha avuto una giornata lavorativa in meno del trimestre precedente e lo stesso numero di giornate lavorative nel confronto con il primo trimestre del 2014. La variazione acquisita del Pil per il 2015 è pari a +0,2%.

PIL Italia 2015 fuori dalla recessione

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail