Scade proroga agli sfratti, il governo tace. Codacons: intervenire d'urgenza

sfratti scade proroga 2015

Domani 28 giugno 2015 scade l'ultima, in ordine cronologico, proroga agli sfratti. E il governo tace.

"Nessuno sa quale sarà il destino di migliaia di famiglie, dal momento che il Governo non ha fornito alcuna comunicazione al riguardo"

spiega l'associazione dei consumatori Codacons in una nota.

La mini proroga degli sfratti era stata decisa dall'ex ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Maurizio Lupi, in carica fino a marzo; dal suo successore - Graziano Delrio, fedelissimo del premier Renzi - non è arrivata nessuna comunicazione finora:

L'azione del Governo sull'emergenza casa è stata del tutto fallimentare e i soldi stanziati per la questione abitativa insufficienti: 35 milioni di euro all'anno da destinare alle famiglie disagiate che non riescono a pagare l'affitto a fronte di 332.169 provvedimenti di sfratto registrati in Italia tra il 2008 e il 2013, di cui 288.934 per morosità. Il rischio concreto è che da domani migliaia di famiglie si ritrovino senza abitazione e senza un posto dove alloggiare"

denuncia il presidente dell'associazione dei consumatori Carlo Rienzi.

Il Codacons rivolge quindi un appello al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti sollecitando l'emissione di un provvedimento d'urgenza per salvaguardare le famiglie in difficoltà e il diritto alla casa delle categorie a rischio.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail