Lenovo in crisi: utile crollato dopo acquisizione Motorola, 3.200 licenziamenti

lenovo licenzia

La prima azienda produttrice al mondo di personal computer, la cinese Lenovo, ha chiuso il primo trimestre dell'anno fiscale con un crollo dell'utile netto del 50,9%. Il colosso informatico nel comunicare il rosso ha contestualmente annunciato che dovrà licenziare 3.200 dipendenti delle attività non produttive.

A pesare come un macigno sui conti della multinazionale cinese sono le difficoltà di integrazione del business di Motorola, acquistato da Google per 2,9 miliardi di dollari a gennaio scorso, acquisto che si sta rivelando, almeno finora, più che altro una zavorra.

Lenovo aveva acquisito Motorola con l'intento di sfidare Apple e Samsung nel settore smartphone, acquisendo stabilmente il terzo posto al mondo nel mercato dei telefonini intelligenti e chissà un giorno scalzare i due giganti americano e sud coreano dalle loro posizioni diventando leader del settore.

Lenovo, di fronte a un mercato degli smartphone ormai saturo in Cina, è stata battuta anche dalla concorrenza interna: al terzo gradino del podio degli smartphone venduti a livello mondiale oggi c'è Huawei e in quarta posizione si è piazzata Xiaomi.

Se entro 4-6 trimestri dall'acquisto i Motorola non ci saranno le attese prospettive di business Lenovo dovrà incassare il colpo e rivedere i suoi piani. Per ora a pagare saranno i 5.200 lavoratori licenziati. Il titolo di Lenovo dopo aver diffuso i conti ha perso alla Borsa di Hong Kong il 9,1%, ai minimi da settembre 2013, dopo aver ceduto il 25% da inizio anno.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail