Il 20% degli italiani più ricchi ha il 61% della ricchezza nazionale - Video

I miliardari che vivono in Europa sono meno di 350 (342) per un patrimonio totale di circa 1.340 miliardi di euro mentre 123 milioni di persone - quasi un quarto della popolazione vivono sulla soglia dell’indigenza, a rischio di povertà, o di esclusione sociale.

L’istantanea la scatta il nuovo rapporto sulla disuguaglianza di Oxfam
"Un Europa per tutti, non per pochi". In Italia il 20% dei nostri connazionali detiene il 61,6% della ricchezza nazionale netta, sono loro i paperoni del Belpaese. Di contro il 20% degli italiani più poveri detiene a malapena lo 0,4% della ricchezza nazionale.

E con la crisi economica le cose sono peggiorate. Tra il 2009 e il 2013 il numero di quanti vivevano in una condizione di grave deprivazione materiale - cioè senza un reddito sufficiente a pagare il riscaldamento di casa o per far fronte a spese impreviste - è salito di 7,5 milioni in 19 paesi dell'Ue tra cui appunto Italia, Spagna, Irlanda e Grecia, per arrivare a un totale di 50 milioni.

Dal 2005 al 2014 nel nostro Paese la percentuale di persone in condizioni di grave deprivazione materiale è cresciuta del 5% passando dal 6,4% all’11,5%. Si tratta di quasi 7 milioni di persone e tra i più colpiti ci sono i bambini e i giovani under 18.

La trappola della povertà vale anche per chi ha un lavoro: in Italia, l’11% delle persone tra i 15 e i 64 anni con un impiego corre questo rischio, percentuale che ci pone al 24° posto nell’Unione Europea a 28 paesi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail