A scuola di educazione finanziaria alla Banca d’Italia

Educazione finanziaria Un restyling adeguato alle aspettative e alla notorietà dell’istituto quello applicato al sito della Banca d’Italia, pesantemente influenzata da un’immagine obsoleta. Rinnovato nei contenuti e nella veste grafica il sito si rivolge ad una pluralità di soggetti: operatori di mercato, studiosi, addetti ai mezzi d'informazione e quanti siano interessati ad approfondire la conoscenza delle attività della Banca.

La nuova sezione "Servizi al pubblico" contiene numerose informazioni utili ai consumatori: "Banca e Cittadino", ad esempio, mira a mettere in luce temi e questioni rilevanti e di attualità in campo economico e monetario, richiamando l'attenzione del cittadino sulla conoscenza e la corretta interpretazione dei problemi in cui può incorrere e sugli effetti che ne possono derivare.

Nella sezione compare un’utile strumento per la formazione finanziaria base dei cittadini chiamata “Formazione economica e finanziaria. Conoscere per decidere”. Si tratta di un breve bignami del piccolo risparmiatore-investitore, che intende indirizzarlo nella scelta e prevenire eventuali catastrofi economiche come nel caso dei tango bond, Cirio e Parmalat.

Una formazione propedeutica dunque ad investimenti sicuri che si sforza di adottare un linguaggio semplice e comprensibile anche ai non addetti ai lavori. Sebbene non raggiunga l’immediatezza della Federal Reserve che propone materiale esplicativo sulle dinamiche finanziarie in veste di fumetto, l’esperimento consente comunque una buona alfabetizzazione finanziaria.
Attraverso la formazione economica-finanziaria, la diffusione e l'aggiornamento delle informazioni, si favorisce l'orientamento tra prodotti complessi e innovativi e l'acquisizione di una maggiore consapevolezza dei rischi e delle opportunità del mercato.

Diversi gli approfondimenti proposti, dal mutuo bancario al conto corrente, passando per il credito al consumo e i prodotti di investimento, con la relativa normativa di riferimento, le opzioni contrattuali, il glossario ed un utile servizio di aggiornamento sulle novità del settore.

  • shares
  • +1
  • Mail