Tassa di soggiorno: 429 milioni incassati nel 2015

tassa soggiorno 2015

Con l'applicazione della tassa di soggiorno i comuni italiani incasseranno nel 2015 circa 429 milioni di euro. A tanto ammonta il bilancio della tassa adottata da 735 comuni italiani a titolo di imposta di soggiorno e imposta di sbarco. Il dato è contenuto in una indagine di Federalberghi che l'agenzia ANSA è in grado di anticipare in esclusiva.

I comuni che hanno adottato la tassa di soggiorno sono così distribuiti: il 34,3% è nel nord-ovest, il 24,8% nel nord-est, il 19,6% nel centro e il 21,4% al sud. Le quattro città con il maggior gettito derivante dalla tassa di soggiorno sono - manco a dirlo - Roma, Milano, Venezia e Firenze, per un introito superiore a 238 milioni, più del 55% del totale nazionale.

Questi quattro comuni rappresentano sì il 9% degli 8.047 municipi italiani ma detengono il 56,3% della capacità ricettiva nazionale ospitando il 66,8% dei pernottamenti di italiani e stranieri. Il 22,8% dei comuni che applicano la tassa - sempre secondo Federalberghi - sono località di mare, il 22,3% località montane e il 21,6% collinari.

Le città d’arte sono appena 65, ma sono le "capitali" del turismo del Belpaese, appunto quelle che attirano grossi flussi turistici. Il prelievo medio della tassa di soggiorno è di 1,63 euro a notte. In dettaglio sono 3,44 euro a Milano, 3,20 euro a Roma, 2,59 euro a Firenze, 2,48 euro a Venezia e 1,01 euro a Napoli.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail