Dieselgate: Volkswagen taglia gli investimenti. Crolla fiducia imprese tedesche

scandalo volksvagen

Dopo il Dieselgate, Volkswagen annuncia che taglierà un miliardo di euro all'anno degli investimenti che erano previsti prima che scoppiasse lo scandalo dei software truccati per ridurre le emissioni sulle auto del gruppo vendute in USA. I costi legati alle mega multe, si parla di una sanzione di 18 mld di dollari solo negli States, si preannunciano altissimi. In Europa ci sarebbero in giro 1,4 milioni di queste auto, 577mila in Germania, e si studiano perciò class action.

Al contempo la casa automobilistica tedesca cerca di darsi una ripulita in termini di immagine annunciando il varo di programma volto all'efficienza che sarà applicato più velocemente di quanto ipotizzato in partenza. Volkswagen spiega che il Gruppo sulle sue vetture diesel adotterà prima possibile la tecnologia di riduzione selettiva catalitica sulle auto a gasolio commercializzate in Europa e in Nord America e che per il futuro punterà decisamente sull'auto elettrica, anche per i mezzi commerciali leggeri.

Intanto la fiducia delle imprese tedesche accusa il colpo e crolla a ottobre, di oltre 10 punti, con l'indice Zew che registra le aspettative sceso a 1,9 da 12,1 di settembre, ai minimi da un anno. Gli economisti avevano sì previsto la flessione ma di massimo 6 punti.

Secondo gli analisti dell'istituto Zew oltre allo scandalo Volkswagen, pesa sulle prospettive dell'economia tedesca anche l'arretramento delle economie emergenti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail