Export ancora in calo ad agosto

export italia agosto

L'export italiano cala per il terzo mese consecutivo ad agosto, del 3,6%, soprattutto come conseguenza della consistente diminuzione delle vendite verso i mercati extra Unione europea, pari a -8,2%, calo in parte compensato dalla leggera crescita delle esportazioni verso l'area Ue (+0,2%).

La flessione su base mensile dell'export, spiega l'Istat, contribuisce al calo del periodo giugno-agosto 2015 (-1,6%), mostrando un trend negativo per l'area extra Ue, -4,7%, e una modesta crescita, +1%, per l'area Ue con acquisti di Made in Italy da parte soprattutto di Germania e Francia, per aumenti rispettivamente del 6,1 e del 9,2%.

Anche le importazioni ad agosto 2015 mostrano una flessione su base mensile, del 2,6%, sintesi di un -2,7% per l'area extra Ue e di un -2,6% per l'area Ue. Sono invece in aumento rispetto al mese precedente le importazioni di beni di consumo durevoli (+4,4%) e di beni strumentali (+3,7%).

Agosto è mese di chiusure aziendali e vacanze per eccellenza, in cui si registra il più basso valore di interscambi dell'anno. Il surplus commerciale di agosto 2015 è di 1,9 miliardi, in calo dai 2,1 miliardi di agosto 2014.

Esclusi i beni energetici la bilancia commerciale risulterebbe positiva per 4,4 miliardi e nel periodo gennaio-agosto il surplus si attesta a quota 28,4 miliardi, 51,3 miliardi togliendo l'energia.

I mercati che ad agosto denotano invece performance non in linea con il calo generale su base annua dell'export sono la Spagna (+18,3%), gli Stati Uniti (+13,1%), la Francia (+9,2%), la Repubblica Ceca (+9,2%) e i Paesi Bassi (+9%).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail