Confcommercio: +134 euro di reddito disponibile in un anno

Ma tra il 2005 e il 2014 sono stati persi 3.400 euro di reddito reale a testa. Una famiglia su 5 poi non arriva a fine mese.

consumi e reddito confcommercio

Secondo Confcommercio nel secondo trimestre del 2015 gli italiani hanno visto crescere di 134 euro il reddito disponibile pro capite. La stima è stata fornita in occasione della presentazione del rapporto Confcommercio-Censis "Dalla fiducia alla crescita". Il recupero del reddito reale, del 4%, però è ancora limitato visto che tra il quarto trimestre del 2005 e il secondo trimestre del 2014 erano stati persi ben 3.400 euro a testa, con 3.266 euro che tuttora "latitano" e chissà se e quando saranno recuperati.

Per Confcommercio si tratta in ogni caso di un segnale di fiducia per le famiglie molte delle quali dichiarano di aver aumentato i consumi. Il direttore dell'ufficio studi di Confcommercio dice che la ripresa c'è, ma che "restano in ogni caso forti elementi di fragilità". Il rovescio della medaglia è rappresentato dal fatto che continua a salire il numero di famiglie che non riesce a coprire tutte le spese con il proprio reddito. Tale quota sfiora ormai il 20% del totale, praticamente una famiglia su cinque.

Secondo il rapporto di Confcommercio però per la prima volta dall'inizio della crisi il numero di nuclei familiari che nel 2015 hanno aumentato la propria capacità di spesa è superiore a quello delle famiglie che l'hanno ridotta (25,6% contro 21,3%) per un dato che segna una positiva discontinuità con il passato: solo nel 2013 il 69,3% delle famiglie dichiarava che la propria capacità di spesa si era ridotta.

L'associazione dei commercianti ha anche fornito le sue stime sul Pil dell'Italia prossimo venturo sostenendo che potrebbe anche arrivare vicino 2% nel 2016, ma soltanto a due condizioni e cioè che il governo riduca le tasse sulle famiglie e sulle imprese e che la Legge di stabilità "esprima in pieno i propri effetti espansivi" ha detto il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail