Bonus mobili per giovani coppie fino a 16mila euro: come funziona e requisiti

bonus mobili 2016

Aggiornamento 12 novembre 2015 - Il tetto del bonus mobili previsto dalla legge di Stabilità 2016 raddoppia. Per le giovani coppie (almeno uno dei due conviventi deve avere sotto i 35 anni) che comprano la prima casa e devono arredarla, un emendamento del Pd approvato dalla commissione Bilancio del Senato ha alzato la soglia massima delle spese sulle quali applicare la detrazione del 50% da 8.000 a 16.000 euro.

Bonus arredi nella Legge di Stabilità 2016

26 ottobre 2015

La legge di Stabilità 2016 ha confermato anche per l'anno prossimo gli sconti fiscali per i lavori di ristrutturazione edilizia, per chi fa lavori in casa ci sarà ancora la detrazione Irpef del 50% con tetto di spesa a 96.000, per la riqualificazione energetica invece la detrazione Irpef-Ires è del 65%. Ma per le giovani coppie che mettono su casa c'è una vera e propria novità ovvero il bonus mobili per chi acquista un'abitazione. La detrazione Irpef sarà uguale del 50% sulle spese sostenute per gli arredi, per un risparmio fino a 4.000 euro nell'arco dieci anni.

La misura, come osserva ItaliaOggi, non è una "estensione del bonus arredi già ordinariamente previsto per chi ristruttura casa", ma è del tutto nuova. Ricordiamo che il bonus arredi già esistente prevede una d’imposta per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe energetica A+ (A per i forni) e per le apparecchiature con l’etichetta energetica, acuisti finalizzati all’arredo di abitazioni oggetto di ristrutturazione. Detrazione che è suddivisa in dieci quote annuali dello stesso importo, per acquisti fatti partire dal 6 giugno 2013 su un ammontare complessivo che non deve superare i 10.000 euro.

I contribuenti ammessi al bonus arredi possono essere gli stessi che ottengono la detrazione con la maggiore aliquota e con il maggior limite di 96.000 euro di spese ammissibili, quindi le ristrutturazioni edilizie con spese sostenute dal 26 giugno 2012.

Quali sono invece i requisiti per richiedere il nuovo bonus mobili? Uno dei due giovani, anche conviventi moro uxorio, non per forza sposati, deve avere meno di 35 anni e il nucleo deve essere costituito da almeno tre anni.

Come funziona praticamente? Lo sconto vale per le giovani coppie che nel 2016 comprano la propria abitazione principale sciogliendo dunque "il vincolo di subordinazione rispetto alla detrazione «principale» per ristrutturazione edilizia" spiega ancora ItaliaOggi. Poi il tetto massimo di spese agevolabili è pari a 8.000 euro e il bonus vale solo per l’acquisto di mobili e non degli elettrodomestici. La detrazione non è cumulabile a quella per la ristrutturazione di cui sopra e già prevista dal D.lgs numero 63 del 2013.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail