Peso del fisco sulle imprese: Italia sempre al top in Europa

tasse imprese

L'Italia resta in cima alla classifica dei paesi europei in cui le imprese pagano più tasse. Anche se il carico fiscale complessivo nel 2014 è diminuito rimaniamo pur sempre al top nell'Unione Europea per il mix di tasse e costo del lavoro (total tax rate). In Italia questo tasso pesa per il 64,8% sulle imprese contro una media europea del 40,6%. Così rileva il rapporto "Paying taxes 2016" stilato da Banca Mondiale e Pwc e riferito all'anno scorso.

Dopo la diffusione del report è intervenuto il direttore del dipartimento Finanze del Ministero dell'economia Fabrizia Lapecorella secondo cui il complessivo peso del Fisco sulle imprese è sceso negli ultimi 10 anni di 12 punti, dal 76,8% del 2004 al 64,8% del 2014. Evidentemente troppo poco per tenere il passo con gli altri paesi europei che inevitabilmente hanno più capacità di attrarre investimenti (considerando anche i tempi biblici della giustizia civile e l'opprimente burocrazia italiana).

Dal Ministero di Via XX settembre Lapecorella, come si legge sul CorSera, spiega che la situazione migliorerà nel prossimo futuro grazie agli effetti delle riforme predisposte dal governo anche con la Legge di stabilità 2016, misure che potranno far scendere l'Italia dai vertici della nella non inviabile classifica del carico fiscale sulle attività economiche.

Quali sono queste riforme? Lapecorella cita il previsto taglio dell’Ires e la misura sui maxiammortamenti, ma anche alcuni provvedimenti introdotti con la scorsa manovra finanziaria e che non hanno, secondo il Mef, ancora dispiegato appieno i loro effetti come l’eliminazione della componente Irap dal costo del lavoro, il credito d’imposta e il patent box.

Secondo Fabrizio Acerbis di Pwc per l'Italia le attese maggiori per il miglioramento del ranking sono quelle relative all'impatto degli sgravi sui contributi per i neoassunti a tempo indeterminato ma conta anche "la stabilità delle norme, la certezza della loro interpretazione e una interlocuzione di buona qualità con l’amministrazione". Inoltre è positivo secondo Acerbis che il gap tra amministrazione e imprese estere in Italia si stia riducendo.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail