Ferrari: completato lo scorporo da FCA, domani quotazione a Piazza Affari

ferrai domanda quotazione milano

Aggiornamento 3 gennaio 2016 ore 15:00 - Per il debutto di Ferrari alla Borsa di Milano, domani 4 gennaio 2016, ci sarà anche il premier Matteo Renzi. Per il Cavallino rampante, ormai separato da Fiat cui era legato dal lontanto 1969, si apre una nuova era da un punto di vista industriale con la società che sarà controllata direttamente dalla famiglia Agnelli attraverso la holding Exor. FCA invece, dato l'addio alla Rossa, dovrà vedere quanto vale "solo" con i suoi brand, da Jeep ad Alfa Romeo passando per Lancia. Prima di Piazza Affari, Ferrari è stata quotata il 21 ottobre scorso a Wall Street con un prezzo di partenza di 52 dollari mentre oggi il titolo viaggia su quota 48 $. L'obiettivo di Fiat Chrysler Automobiles era valorizzare il marchio di Maranello incassando risorse fresche per investimenti e riduzione del debito; all'orizzonte l'eventuale e fortemente voluta fusione con General Motors.

Ferrari fa sapere che lo scorporo della casa automobilistica di Maranello dal gruppo Fiat Chrysler Automobiles (FCA) è stato completato. Gli azionisti di Fiat Chrysler Automobiles hanno diritto a un'azione ordinaria Ferrari ogni 10 azioni di FCA possedute. I possessori di obbligazioni a conversione obbligatoria FCA riceveranno 0,77369 azioni ordinarie Ferrari per ogni Mcs unit da 100 dollari di valore nozionale detenuta.

Dopo lo scorporo, le azioni Ferrari in circolazione sono pari 188.923.499, quelle emesse sono 193.923.499. Il capitale emesso comprende anche altre 5 milioni di azioni ordinarie non in circolazione e non possedute dalla società come azioni proprie perché queste non vengono negoziate e non vengono esercitati i diritti di voto.

Gli azionisti di FCA che prenderanno parte al programma di fidelizzazione riceveranno un'azione a voto speciale Ferrari ogni 10 azioni a voto speciale FCA possedute. Le azioni a voto speciale Ferrari in circolazione ed emesse sono pari a 56.497.618 unità, azioni a voto speciale che non sono quotate e non sono negoziabili.

Ferrari in pole position per Piazza Affari

24 novembre 2015
Ferrari dopo la quotazione a Wall Street è in pole position per Piazza Affari. Il debutto al New York Stock Exchange a ottobre scorso è stato un successo. La quotazione ha portato nelle casse della società un ricavato lordo dall'Offerta pubblica iniziale (Ipo) di 982,4 milioni di dollari e ora la casa di Maranello vuole replicare depositando la domanda per la quotazione sul mercato telematico azionario meneghino contestualmente alla "prevista separazione" da Fiat Chrysler Automobiles (FCA).

Secondo quanto riporta l'Ansa l'assemblea straordinaria degli azionisti di FCA del 3 dicembre prossimo, ad Amsterdam, delibererà sullo scorporo del Cavallino Rampante, con Ferrari Nv che è la holding olandese creata ad hoc per la quotazione in borsa. Le azioni ordinarie di Ferrari saranno quindi quotate sia sul mercato telematico di Piazza Affari sia presso la piazza finanziaria americana.

Il closing dell'operazione, con la scoropro di Ferrari e la quotazione a Milano, è previsto per inizio 2016. In soldoni Ferrari passerà sotto il controllo della holding della famiglia Agnelli, la Exor, con una quota del 24% che in virtù del meccanismo del voto multiplo olandese peserà molto di più agevolando il controllo insieme a Piero Ferrari, figlio del fondatore Enzo, che manterrà il suo 10%.

A Wall Street il collocamento è avvenuto con la cessione del 10% del capitale da parte di Fca per un valore di 1 miliardo di dollari con FCA che ha in portafoglio ancora l'80%. L'Ipo di di Ferrari alla borsa Usa si è tradotta in un prezzo di 52 dollari per azione ma il titolo al debutto è salito fino a 60 euro, per poi perdere terreno nelle ultime sedute fino a 47 dollari circa. Le azioni ancora detenute da FCA saranno distribuite agli attuali soci del Gruppo, che otterranno un titolo Ferrari ogni dieci di FCA, e ai detentori delle obbligazioni convertibili FCA.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail