Antitrust, multe per 6 milioni alle sette imprese luce e gas

I sette gestori attivavano contratti non richiesti tramite il porta a porta e il teleselling

bollette-meno-care-ottobre.jpg

L'Antitrust ha sanzionato sette imprese di luce e gas per aver attivato forniture non richieste: in totale la multa ammonterebbe a 6 milioni di euro a Enel Energia (sanzione di 2,15 mln), Eni (2,1 mln), Acea Energia (600 mila euro), Hera Comm (366 mila), Gdf Suez Energie (200 mila), Green Network (340 mila) e Beetwin (320 mila euro).

Le sanzioni, spiega l'Autorità, mettono in risalto il comportamento scorretto dei gestori nei confronti dei consumatori e riguardano le modalità di offerta e conclusione dei contratti a distanza di energia elettrica e gas naturale nel mercato libero. L'Antitrust avrebbe riscontrato attivazioni non richieste raccolte attraverso la rete degli agenti porta a porta e attraverso le attività di teleselling.

I procedimenti erano stati avviati tra ottobre 2014 ed aprile 2015 sulla base di numerose segnalazioni di singoli consumatori, associazioni di consumatori e imprese concorrenti, segnalazioni che hanno persuaso il Nucleo Speciale Antitrust della Finanza e l'Autorità per l'energia elettrica (Aeegsi) ad avviare indagini e sopralluoghi.

A giudizio dell’Antitrust, i sette operatori hanno alterato considerevolmente la libertà di scelta dei consumatori, adottando procedure di contrattualizzazione in violazione del Codice del Consumo. Queste pratiche sfruttavano il contesto di 'asimmetria informativa' in cui avvengono le scelte dei consumatori, a causa della complessità intrinseca delle offerte commerciali di energia elettrica e gas naturale nel mercato libero

spiega l'Autorità garante della concorrenza e del mercato in una nota.

  • shares
  • +1
  • Mail