Sconti record per i saldi invernali 2016

sconti invernali 2016

Previsti sconti record per i saldi invernali 2016. A prevedere saldi da urlo è e l'Unione nazionale consumatori (Unc) che ha preso in considerazione gli sconti effettivamente praticati dai commercianti dal 2011 al 2015 secondo quanto rilevato dall'Istat e stimando la tendenza in atto quest'anno.

Nel suddetto periodo per tutte le voci di spesa coinvolte nelle vendite di fine stagione, dall'abbigliamento alle calzature, sono stati registrati rialzi continui degli sconti, in funzione anti ciclica.

"I commercianti, insomma sono stati indotti dalla crisi a ridurre sensibilmente i prezzi. Anche nel 2016 gli sconti continueranno a salire"

spiegano dall'Unc. Sarà soprattutto indumenti e vestiti a mostrare gli sconti maggiori, con saldi del 31,1%, dal 25,4% del gennaio 2015, per un aumento dello sconto del 14,38%. Al secondo posto della classifica saldi 2016 le calzature con i prezzi che caleranno del 27,35%, per un ribasso rispetto a gennaio 2015, del 15,89%.

Come sempre saranno gli accessori ad essere scontati di meno, la stima è per un taglio del prezzo del 15,37%, comunque più del -13,7% dell'anno scorso. L'Unc sottolinea che durante la recessione gli sconti sono progressivamente saliti e che i saldi del 70% pubblicizzati in vetrina spesso sono gonfiati: si aumenta il prezzo vecchio per alzare poi la percentuale di sconto e spingere di più all'acquisto.

L'associazione dei consumatori perciò consiglia di tenere gli occhi bene aperti e diffidare di sconti superiori al 50% visto che, fatta eccezione per l'alta moda, è difficile per i commercianti avere ricarichi così alti. L'ideale sarebbe andare nei negozi in questi giorni a cercare quello che interessa segnando il prezzo in modo da controllare lo sconto effettivamente praticato alla partenza dei saldi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail