Il prezzo del petrolio crolla ma la benzina sale

prezzo benzina sale petrolio crolla

Il prezzo del petrolio è ai minimi da 12 anni ma la benzina in Italia sale ancora. A denunciare la situazione sulla rete carburanti nazionale sono Federconsumatori e Adusbef dopo che il prezzo del greggio è sceso, ieri, fino a 31 dollari al barile, ai minimi del 2009 quando la benzina costava 1,13 euro al litro.

Morgan Stanley, Goldman Sachs e Citigroup credono che il prezzo del petrolio di questo passo calerà fino a toccare i 20 dollari al barile (visto il rallentamento della Cina e l'apprezzamento del dollaro) e se sarà così un terzo dei produttori di gas e petrolio americani rischiano il fallimento entro metà 2017, secondo la società di consulenza Wolfe Research.

Tornando a casa nostra, le associazione dei consumatori spiegano che:

Le quotazioni del petrolio scendono vistosamente, i prezzi dei carburanti no. Sei centesimi di troppo che comportano ricadute di +131 euro annui.

Quali sono le cause di questi rialzi ingiustificati se si considera il tracollo del prezzo del greggio? Le associazione dei consumatori citano la perdita di forza del cambio euro-dollaro, l'incremento delle accise sui carburanti - nel 2009 pari 56,4 centesimi al litro, oggi a 72,8 centesimi/litro - e l'aumento dell'Iva. Tutti fattori che fanno salire la benzina di 6 centesimi oltre il livello a cui dovrebbe essere.

Concretamente tale maggiorazione si traduce in un pesante aggravio sulle tasche dei cittadini, pari a ben +72 euro annui in termini diretti, ossia per i pieni di carburante, e a +59 euro annui in termini indiretti, a causa all'impatto del costo dei carburanti sui prezzi dei beni di prima necessità che, nel nostro Paese, sono distribuiti per l'86% su gomma

aggiungono le due associazioni, per un totale come detto di +131 euro annui.

È ormai divenuto insopportabile il monte tasse sulla benzina, che sta arrivando al 70% del prezzo totale del carburante. Un andamento del tutto inaccettabile, che richiede un intervento immediato del Governo affinché le accise siano ritoccate al ribasso

dicono i presidenti di Federconsumatori e Adusbef, rispettivamente Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO