Evasori...e l’onesto paga per tutti!

270 miliardi di euro è la cifra che gli evasori sottraggono al fisco annualmente.
Cifra resa ancora più scioccante se si pensa che a farne le spese sono coloro che onestamente pagano le tasse e che, come se non bastasse, pagano anche per quelli che non lo fanno per compensare le entrate mancanti. Insomma è il caso di dire che non sempre l’onesta è ripagata. Anzi, in questo caso chi paga ci rimette!
Secondo uno studio condotto dalle Agenzie delle Entrate, i soldi sottratti al fisco corrispondono al 19,2% del prodotto interno lordo passando così dai 44miliardi di euro del 1980 ai 270 miliardi del 2004; dal 2000 al 2004 la crescita percentuale dell’evasione è stata pari al 30%.
Lo stato, dunque, subisce un grave danno perdendo 20 miliardi di tasse e i cittadini che invece fanno il loro dovere pagano allo Stato il 50,74% del reddito prodotto ovvero il 10% in più. E non lamentiamoci! Anzi, ci sarebbe quasi da gioire visto che la situazione è anche migliorata rispetto agli anni precedenti quando il fisco aveva toccato il 52% del reddito prodotto.
Con questo però non si vuole dire di prendere come esempio coloro che evadono le tasse o che non pagano l’IVA. E' vero che dai dati forniti si sarebbe indotti a comportarsi come coloro che non pagano così che a farne le spese sono sempre gli onesti che lavorano e pagano anche per gli errori degli altri. Ma non è questo il modo di reagire. Chi sbaglia non deve essere preso come esempio ma solo come spunto per non commettere ulteriori errori. Piuttosto facciamo sentire la nostra voce e gridiamo in coro “Volete diminuire ’ste tasse!”
(V.articolo Corriere della Sera)

  • shares
  • +1
  • Mail