Brexit: sindaco di Londra a favore, la sterlina crolla

Il sindaco di Londra annuncia che farà campagna a favore della Brexit, mettendosi così di traverso all'accordo raggiunto la settimana scorsa tra il premier inglese Cameron e l'Ue.

Di conseguenza la sterlina inglese oggi si è fortemente deprezzata proprio sui timori dei mercati relativi all'uscita del Regno Unito dall'Unione europea.

Per la moneta inglese si tratta delle maggiore perdita in una sola sessione di contrattazioni dopo che il primo cittadino della capitale Boris Johnson ieri ha ufficializzato che voterà e sosterrà l'uscita del Paese dall'Europa all'apposito referendum interno del 23 giugno prossimo.

La sterlina ha perso stamane l'1,5% a 1,14186 dollari,ai minimi da tre settimane, analogamente l'euro ha guadagnato l'1,2% sulla divisa britannica a quota 0,7828. Da inizio 2016 la sterlina ha perso il 3%, il calo più consistente tra le maggiori valute registrato quest'anno.

Ogni chiusura al di sotto di 1,42 dollari o sopra 0,7850 sterline nei con fronti dell'euro aprirebbe la strada a ulteriori debolezze della sterlina. In generale penso che probabilmente vedremo ulteriori indebolimenti della sterlina prima del voto con il dibattito che si accenderà e con l'incertezza che indebolirà la fiducia. Non posso immaginare che i sondaggi di opinione possano muoversi con decisione in alcuna delle due direzioni (...)

commenta Kit Juckes di Societé Générale al Financial Times, come riporta Askanews.

brexit e quotazione sterlina


Vota l'articolo:
4.50 su 5.00 basato su 2 voti.  

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO