Niente turno di lavoro la domenica se vai a messa

lavoro domenica corte di cassazione

"La domenica è il giorno del Signore"...e un cattolico praticante che vuole andare a messa non può essere messo di turno a lavorare. A dirlo non è un sacerdote o un vescovo ma i giudici della Corte di Cassazione. Se il datore di lavoro ordina al dipendente di andare in ufficio o in qualsiasi altro luogo di lavoro alla domenica e questi rifiuta per partecipare alla santa messa, la sanzione del licenziamento e la sospensione dal servizio sono illegittime in quanto sproporzionate. A riportare l'orientamento della suprema corte, espresso in una recente sentenza, è il sito laleggepertutti.it.

I giudici hanno accolto e valorizzato la richiesta del dipendente di non essere assegnato a turni domenicali per motivi religiosi, in ossequio all'esercizio del diritto di culto, motivazione ritenuta più che plausibile. Nel caso esaminato dagli ermellini il lavoratore in questione si era rifiutato di fare il turno domenicale, ma si era proposto di recuperarlo nei giorni successivi. Dopo sei giorni di lavoro consecutivi di lavoro il dipendente aveva tra l'altro invocato il diritto al riposo settimanale.

Secondo la Cassazione, il diritto dei dipendenti di astenersi dal lavoro la domenica per esercitare le proprie pratiche religiose ha particolare rilievo e giustificazione. Nel valutare il licenziamento secondo la Cassazione vanno valutati il comportamento del dipendente assunto prima e dopo la condotta contestata. Non essendoci precedenti sanzioni disciplinari il lavoratore non può essere licenziato in un batter d'occhio, alla prima violazione delle direttive impartite dal datore di lavoro.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail