Equitalia vuole spiare i conti correnti

equitalia spia conti in banca

Equitalia spierà i conti correnti? Sì, se sarà accettata la richiesta di accedere a tutte le informazioni finanziarie dei debitori fatta dall'amministratore delegato dell'agenzia nazionale di riscossione Ernesto Maria Ruffini. Sentito in commisione parlamentare di vigilanza sull'anagrafe tributaria per la presentazione del futuro piano di azione di Equitalia Ruffini, come riporta il sito dello
Studio Cataldi, ha avanzato le proposta di accedere ai dati dei conti in banca dei debitori del Fisco in modo da capire se nascondono denari che non vogliono versare all'agente di riscossione.

L'ad di Equitalia ha poi parlato di nuove strategie per rendere più efficace il sistema di riscossione, dalla previsione di meccanismi sanzionatori deterrenti per incentivare l'uso della posta certificata, all'obbligo per gli enti di comunicare con l'agente della riscossione con flussi telematici, per eliminare tempi e costi, flusso che com'è oggi solo per le cartelle esattoriali ha costi stimati "in misura non inferiore a 30 euro" per i ripetuti passaggi relativi alla formazione del ruolo e ai suoi sviluppi.

La possibilità di accedere delle informazioni finanziarie dei debitori, ha spiegato Ruffini, sarebbe utile per agire tempestivamente da parte di Equitalia con notifiche rapide e sicure limitando per questa via i tentativi dei debitori di sottrarre i loro beni all'esecuzione. Così verrebbero tagliati anche i tempi di recupero.

Equitalia in dettaglio chiede di poter eseguire accessi "massivi e a cadenze ravvicinate" all'anagrafe dei conti per ricostruire la situazione finanziaria del debitore in tempo reale. L'Agenzia di riscossione vorrebbe accedere anche ai dati Inps in modo da superare l'attuale sistema che permette solo di conoscere informazioni di sintesi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail