Via libera alla liberalizzazione nel mercato dell’energia elettrica

Dal 1 luglio 2007 i cittadini avranno la possibilità di scegliere il loro fornitore di energia elettrica. Inoltre avranno anche la possibilità di spostarsi verso nuove tariffe o nuovi gestori senza dover sostenere alcun costo aggiuntivo. Questa è la decisione del governo approvata lo scorso venerdì 15, grazie alla liberalizzazione del mercato elettrico che dà quindi maggiori possibilità alle famiglie di scegliere il proprio fornitore di energia elettrica.
VERSO LE NUOVE TARIFFE SOCIALI
Entro la fine dell'estate il Ministero dello Sviluppo economico completerà la concertazione in corso con gli altri ministeri (Economia, Solidarietà sociale, Salute, Famiglia) e chiederà il parere della Conferenza Unificata sul decreto interministeriale in modo da fornire all'Autorità per l'energia elettrica e il gas i criteri in base ai quali riordinare l'attuale meccanismo di agevolazione tariffaria a partire dal 1 gennaio 2008. I nuovi criteri di tutela individueranno le categorie di soggetti in condizioni di svantaggio economico e sociale, mentre l'entità del contributo potrà essere commisurata alla revisione del sistema tariffario per le utenze domestiche, in corso presso l'Autorità per l'energia elettrica e il gas, in modo da contenere l'impatto economico complessivo della manovra sulle varie tipologie di consumatori, in considerazione dei livelli di consumo.(Tratto da La Repubblica.it)
(Autorità per l'energia elettrica e il gas) (V. articolo Bollette energia a filo diretto con il risparmio). Ad ogni modo non bisogna aspettarsi svolte immediate: gli effetti positivi si vedranno nel medio-lungo periodo e molto dipende anche dal prezzo del petrolio e chiaramente la concorrenza sarà agguerrita. A riguardo Francesco Luongo, esperto in diritto per il Movimento dei Consumatori dice « Il nostro principale timore è che si verifichi per l’energia quello che è che successo per l’Rc-auto e per la telefonia. E cioè una mancanza di chiarezza nelle offerte, grazie a un marketing aggressivo che non fa altro che confondere i consumatori impedendo loro scelte consapevoli».
Infatti il problema che si pone a questo punto è proprio l’accanimento che si verificherà tra le varie aziende fornitrici di energia per conquistare la fetta di mercato più ampia di utenti. Si prevede una lotta a colpi di sistemi tariffari più convenienti, super offerte, prezzi più bassi, insomma una vera e propria gara per chi offrirà le tariffe a condizioni più favorevoli.
Ma diciamolo chiaramente: il modo più semplice per non ricevere una bolletta che ci faccia venire i capelli bianchi e quindi risparmiare è usare il meno possibile l’elettricità. Ma poichè è un bene primario e farne a meno ci sembra quasi impossibile proviamo a mettere in pratica le comuni regole di buon senso ma anche prestare attenzione a piccoli accorgimenti che posso aiutare a risparmiare sui costi come ad esempio ricordarsi che un frigorifero consuma meno se è lontano da fonti di calore e non attaccato al muro, far pulire di frequente il filtro della lavatrice ed evitare l’asciugatura automatica che è molto dispendiosa. Per quanto riguarda il forno elettrico, spesso non è indispensabile preriscaldarlo ed è consigliabile sfruttare il calore residuo spegnendolo prima che sia terminata la cottura. Anche sull’illuminazione si può risparmiare: basta sostituire le lampadine classiche con quelle a basso consumo che danno la stessa luce e durano più a lungo. Inoltre non lasciate gli elettrodomestici in stand-by perchè, anche se consumano poco, comunque, consumano. Perché allora pagare per una spesa di cui non abbiamo usufruito?!
Anche la gestione dell’abitazione con tutte le attività connesse determinano consumi che vanno ad incidere sul bilancio familiare e risparmiare energia consente inoltre di pagare meno tasse. Evitare brutte sorprese all’arrivo della bolletta fa vivere meglio chiunque.

Per tutti i consumatori che vogliono risolvere qualsiasi dubbio o che hanno bisogno di maggiori informazioni riguardo la liberalizzazione del mercato dell'energia elettrica, è a disposizione un numero verde che va incontro alle esigenze del cittadino. Il numero è il seguente: 800.194.491
Inoltre, all'inidizzo www.altroconsumo.it l'utente può trovare ulteriori informazioni utili.

  • shares
  • Mail