Banca Popolare di Vicenza: prestiti condizionati all'acquisto di titoli? Indagine Antitrust

banca-popolare-di-vicenza.jpg

Dopo lo scandalo dei quattro istituti di credito falliti (non prima di aver truffato i clienti con le obbligazioni subordinate) e salvati dal governo con un decreto che ha applicato il bail in, un'altra banca, la Popolare di Vicenza (Bpvi), finisce all'attenzione della cronache. L'Antitrust, l'autorità garante della concorrenza e del mercato, ha aperto un'istruttoria per verificare se l'istituto abbia, condizionato la concessione di prestiti e mutui all'acquisto di titoli della banca da parte dei clienti.

L'Antistrust fa sapere che in base alle:

"informazioni acquisite ai fini dell'applicazione del codice del consumo, ha avviato un procedimento istruttorio per presunta pratica commerciale scorretta nei confronti di Banca popolare di Vicenza".

Banca popolare di Vicenza spiega l'Autorità:

"avrebbe nei fatti condizionato l'erogazione di finanziamenti a favore dei clienti (mutui, prestiti personali, aperture di credito in conto corrente) all'acquisto da parte loro di azioni o obbligazioni convertibili dell'istituto, anche concedendo somme superiori agli importi richiesti in caso di accettazione di questi titoli".

Una condotta che:

"potrebbe integrare una pratica commerciale scorretta, in quanto idonea a limitare considerevolmente la libertà di scelta dei consumatori in relazione ai prodotti di finanziamento"

conclude l'Autorità. Ieri gli uomini della Guardia di Finanza, Nucleo speciale Antitrust, hanno eseguito diverse perquisizioni nelle sedi della banca.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail