Draghi: la disoccupazione giovanile minaccia la pace sociale

Il giorno dopo aver annunciato il potenziamento della politica monetaria espansiva della Bce, per sostenere la ripresa e allontanare la deflazione, il presidente dell'Istituto centrale europeo Mario Draghi parla di giovani e lavoro.

La disoccupazione giovanile in Europa, dice il numero uno dell'Eurotower, "è una tragedia" in quanto impedisce ai giovani "di svolgere pienamente un ruolo nella società. Quando un giovane su due è senza lavoro come accade ancora in alcuni Paesi (in Italia è al 39,3%, Ndr) si crea un grave danno all'economia, perché la gente che vuole lavorare non può farlo e non si sviluppano attitudini".

In una intervista rilasciata al quotidiano britannico The Guardian - diffusa oggi ma che risale al 18 febbraio - il banchiere centrale avverte i governi europei: quello che si sta sottovalutando adesso, appunto l'elevata disoccupazione dei giovani, a lungo andare metterà in discussione la "pace sociale". L'alto tasso di disoccupati "Sul lungo termine può portare a crescenti problemi sociali e sulla salute".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail