Esonero contributivo per assunzioni 2016: circolare INPS

Parte l'esonero contributivo 2016 per le assunzioni a tempo indeterminato di disoccupati da almeno sei mesi come previsto dalla Legge di Stabilità di quest'anno che permette la riduzione del 40% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro, con un tetto massimo di 3.250 euro annui per una durata di 2 anni dalla data di assunzione.

Rispetto allo sgravio dell'anno scorso il taglio dell'agevolazione in termini assoluti è di oltre la metà (l'esonero era pari a 8.040 euro nel 2015) con ripercussioni negative sulle assunzioni che secondo gli ultimi dati Inps, quelli di gennaio 2016, sono in netto calo.

L'Istituto nazionale di previdenza a ha pubblicato ieri la circolare con cui vengono fornite le istruzioni per la fruizione dell'esonero contributivo per le assunzioni stabili con decorrenza dall'uno gennaio al 31 dicembre 2016. Le aziende che assumeranno a tempo indeterminato anche nel 2016 beneficeranno di una decontribuzione tagliata del 40% rispetto al 2015. Dell’incentivo possono usufruire tutti i datori di lavoro privati, compresi quelli del settore agricolo.

L'esonero contributivo è in vigore a partire dal primo gennaio 2016 quindi, come spiega l'Inps, le aziende e i datori di lavoro iscritti alle gestioni previdenziali pubbliche che nei primi tre mesi dell'anno hanno già assunto lavoratori in possesso dei requisiti per il diritto all'esonero contributivo possono recuperare gli sgravi pregressi con le denunce di aprile e maggio 2016.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail