Meridiana, piano di esuberi: 955 dipendenti in mobilità

È previsto un incentivo all’uscita di 15mila euro lordi.

Meridiana esuberi

Meridiana non ha raggiunto l’intesa con i sindacati entro la data fissata, ossia prima del 10 aprile (che è domani) e ha dunque deciso di procedere con l’attuazione del suo piano di esuberi che prevede la mobilità per 955 dipendenti, tra i quali 142 sono piloti, 649 assistenti di volo, 89 lavoratori dei settori aeroportuali, e poi ci sono 75 dipendenti di Meridiana Maintenance, che si occupa della manutenzione dei velivoli.

Nonostante l’accordo con Qatar Airways prevede un aumento delle rotte e dunque una espansione commerciale, Meridiana vuole ridurre il personale e quello che sta per avviare è uno dei più grandi licenziamenti di massa che si siano mai visti in Italia.

Già un mese fa Meridiana aveva detto di essere pronta a ridurre fino a 527 il numero degli esuberi, ma occorreva raggiungere l’accordo con i sindacati, i quali hanno continuato a insistere sulle loro richieste, ossia l’unificazione totale con AirItaly e la lista unica dei dipendenti.

L’accordo non c’è stato e ora Meridiana procederà per conto proprio avviando la procedura di mobilità. La cassa integrazione scade il 30 aprile per Meridiana Maintenace e il 26 giugno per Meridiana Fly, poi dal 30 giugno il sostegno al reddito per il personale in mobilità diminuirà significativamente e dunque entro quella data occorrerà risolvere la questione.

Meridiana aveva fatto questa proposta ai sindacati: riassumere a tempo una parte degli assistenti di volo con il contratto di AirItaly e trovare l’accordo sui prepensionamenti in modo che altri 286 dipendenti venissero riassorbiti da Qatar Airways, ma la trattativa si è arenata e ora come ora l’accordo con Qatar Airways non è in grado di portare effetti positivi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail