FMI taglia stime crescita Italia: Pil +1% nel 2016, +1,1% nel 2017 - VIDEO

Il Fondo monetario internazionale (Fmi) taglia le stime di crescita dell'Italia mostrandosi meno ottimista del governo del "abbasso i gufi". Il Pil Italiano nel 2016 crescerà più debolmente del previsto, appena dell'1% mentre nel 2017 salirà dell'1,1%.

Il Documento di economia e finanza dell'esecutivo invece indica un Pil in aumento
dell'1,2% nel 2016 e dell'1,4% nel 2017. Il Fmi vede miglioramenti per quanto riguarda il tasso di disoccupazione che nel 2016 dovrebbe calare fino all'11,4% e scendere sotto l'11%, al 10,9% l'anno successivo.

Secondo l'organizzazione economica internazionale di cui fanno parte 188 paesi nel resto d'Europa non andrà molto meglio, anche Francia e Germania cresceranno a un ritmo modesto. L'eccezione sarà rappresentata dalla Spagna, ex sorvegliato speciale di Bruxelles con Italia e Portogallo, che conoscerà una crescita del 2,6% nel 2016 e del 2,3% nel 2017.

Comunque l'intera economia globale soffre, il Fondo ha tagliato le stime di crescita avvertendo che c'è il rischio "di cadere in una stagnazione diffusa e di lungo periodo". Il Fmi lancia un allarme anche sul rischio di Brexit, l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea.

La Brexit secondo gli economisti di Washington potrebbe provocare "un grave danno regionale e globale mettendo a rischio relazioni commerciali costituite". Il referendum di giugno sulla possibile uscita di Londra dall'Ue ha "già creato incertezza per gli investitori". La rivolta "contro l'integrazione economica globale rischia di bloccare, se non di invertire, il trend del dopoguerra e rapporti commerciali ancora più aperti" sia per l'Europa sia per gli Stati Uniti, spiegano gli esperti del Fondo.

FMI  taglia stime pil italia

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail