Risparmiatori truffati: oggi decreto con criteri rimborsi in Cdm

banche italia solide

Sui rimborsi agli obbligazionisti "subordinati" truffati dalle 4 banche fallite e salvate dal governo con il bail in il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan promette che oggi in Cdm ci sarà il decreto con i criteri per i ristori dei risparmiatori delle 4 banche e le misure sulle procedure fallimentari per velocizzare il recupero crediti. Padoan ha parlato con i giornalisti ieri sera a margine del question time alla Camera.

Le ultime indiscrezioni riportate dall'Ansa in merito al provvedimento per stabilire i criteri per gli indennizzi dovrebbe poggiare su due meccanismi: uno che regolerà il risarcimento per gli obbligazionisti delle vecchie Banca Etruria, Banca Marche, Carife e Carichieti, e un altro per stabilire le misure atte a imprimere una netta accelerazione al recupero crediti, misure queste necessarie anche far partire il mercato italiano dei crediti deteriorati.

L'ipotesi è quella di un doppio binario per i risparmiatori con un ristoro automatico, con vincoli legati a reddito e investimento, per le obbligazioni acquistate prima dell'agosto 2013, quando partirono le regole Ue sul burden sharing, e passaggio dall'arbitrato per tutti gli altri.

Sono previsti per questa via circa 2000 arbitrati con doppio binario; ristori appunto automatici per le obbligazioni acquistate prima di agosto 2013 e ricorso all'arbitrato per tutti gli altri risparmiatori che le hanno sottoscritte dopo quella data.

Davanti all'arbitro si presenteranno meno di duemila degli oltre diecimila obbligazionisti che hanno visto azzerati i titoli con il salvataggio delle 4 banche, ma di date ancora non si parla. Per il recupero crediti invece le misure che stanno mese in campo saranno diverse usando norme già contenute nella riforma del processo civile e del diritto fallimentare.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail