Roaming e VoIP insieme appassionatamente sul taglio tariffe!

Tariffe telefoniche Ecce roaming! Finalmente ha trovato approvazione definitiva a Bruxelles (v. articolo) il provvedimento di abbassamento tariffe sulle chiamate internazionali. L’Eurotariffa sembra incontrare il favore degli utenti che in vista delle vacanze potranno già accantonare significativi risparmi in telefonate inter-confine. L’intesa tra i rappresentanti delle istituzioni europee (Commissione, Parlamento e Consiglio) era stata raggiunta lo scorso 23 maggio dopo una discussione di quasi un anno, anche se il compromesso raggiunto è meno ambizioso della proposta iniziale, che prevedeva una riduzione del 70%.
Il 25 giugno 2007 gli Stati membri adottano il regolamento UE e al 29 giugno la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Dopo un mese, gli utenti potranno chiedere che sia applicata l'Eurotariffa. Altrimenti, possono chiedere di restare con quelle vigenti. Per gli utenti che non avranno espresso richiesta, l'Eurotariffa sarà applicata in automatico a tre mesi dalla pubblicazione in Gazzetta.

Il nuovo regolamento abbatterà la spesa per i consumatori di circa il 50%, con una riduzione graduale spalmata in tre anni. Il tetto per le chiamate effettuate non potrà superare i 49 centesimi al minuto, mentre le chiamate ricevute non dovranno costare più di 24 centesimi al minuto. Altro tetto previsto sarà quello di 30 centesimi per le tariffe all’ingrosso praticate da un operatore all’altro. L’anno prossimo questi tetti scenderanno rispettivamente a 46, 22 e 28 centesimi al minuto e nel 2009 scenderanno ulteriormente a 43, 19 e 26 centesimi. Una bella riduzione se si considera che attualmente chiamare o ricevere chiamate in roaming costa in media 1 euro al minuto.

VoIP

Sul lato VoIP continuano le novità rispetto a quanto già annunciato nei mesi scorsi (v. post) con nuove versioni e aggiornamenti di Software nonché l’ingresso di nuovi e più convenienti operatori sul mercato delle chiamate via Web.

È stata lanciata in questi giorni la prima offerta Voip ufficiale di un operatore storico italiano: Acotel, gruppo romano fondato nel 1995 da Claudio Carnevale. La novità si chiama NovercaOne, che Acotel ha lanciato (tramite la controllata Noverca) dopo avere ottenuto, pochi giorni fa, l'autorizzazione dall'Autorità Garante delle Comunicazioni a operare in Italia come gestore di servizi telefonici. Il che mette Noverca sullo stesso piano, nel mercato, di Telecom Italia e Wind.

L’offerta du Noverca-Acotel propone un abbonamento di 15 euro per un anno offre un numero geografico con il prefisso della città dell'utente, 350 minuti di chiamate verso i fissi nazionali e 100 sms gratuiti. Si avrà appunto un anno per consumare i 350 minuti. Ogni minuto eccedente costa 1 cent.

In alternativa, è possibile limitarsi ad acquistare il credito con un sistema prepagato (con carta di credito o Paypal, tramite il sito), accontentandosi però così di chiamare a consumo e rinunciando al numero geografico.

Il prezzo a consumo è 1,6 cent verso le principali destinazioni. Noverca permette di chiamare in vari modi (con il credito acquisito e con quel monte di minuti bonus) ed è qui l'universalità: con un client, che funziona su computer Windows (presto anche Mac e Linux) e terminali Windows Mobile. Oppure tramite cellulari Symbian dotati del client sip Nokia preinstallato, di cui Noverca permette una configurazione veloce con i dati dell'account dell'utente e del sip server. Per quest'ultimo aspetto, Noverca si affianca quindi a provider come Linkem e Messagenet, che hanno ottimizzato i propri servizi per il client sip Nokia.

Da provare è il funzionamento di Noverca con il sip di Fring (per i cellulari symbian che non hanno il sip di Nokia): il teoria dovrebbe andare bene.

In più, il client per Pc permette di chiamare e video chiamare altri utenti Noverca (gratis) e di scambiare con loro file direttamente (peer to peer) o tramite server (con un sistema di filebox, che è funzionale quando l'amico è offline).

Le novità di Fring

Alcune news arrivano da Fring con la sua nuova versione per Windows Mobile installabile su tutti i cellulari con software Windows Mobile serie 5.0 e 6.0. Il funzionamento è simile alla versione Symbian per i Nokia, garantendovi:


  • Piena funzionalità mVoip, che significa chiamate, chat e presence gratis attraverso connessione 3G, GPRS o Wi-Fi.

  • Fring, skype, google talk, twitter, MSN e GSM integrati in un unica contact list.

  • Supporto di provider SIP e Skype-out.

  • La possibilità di trasformare il vostro PDA in un telefonino, anche senza sim.

La lista dei telefoni supportati si sta facendo davvero lunga. Per ricapitolare velocemente: sono supportati di fatto tutti i Nokia serie 60, N70, N80, N90 (incluso N95), E60 e E70 e i telefoni con Windows Mobile serie 5.0 e 6.0.

Quanto costa il VoIP sul cellulare di Fring?

Considerando che Fring è una applicazione che si scarica sul telefonino, e può effettuare sessioni VoIP con il cellulare utilizzando:


  • Una connessione wi-fi

  • Le reti GPRS e 3G

Nel primo caso (wi-fi) la tecnologia P2P Mobile VoIP di Fring non comporta costi addizionali con l'operatore telefonico in quanto viene usata la connessione wi-fi disponibile. Nel caso utilizziamo un hot-spot gratuito (Fon ad esempio) è completamente gratis (a parte i costi di chiamata se si telefona verso un fisso o un cellulare, che in ogni caso sono molto, molto bassi).

Diverso il caso in cui utilizziamo la rete GPRS o 3G del nostro operatore. In tal caso siamo vincolati alle tariffe del nostro piano telefonico, per cui è sconsigliabile utilizzarlo se abbiamo una tariffa a consumo ed è meglio informarsi in caso di tariffa a tempo.
In ogni caso, l'utilizzo del Voip Mobile P2P ed del VoIP in generale sui cellulari è ancora molto limitato dalla mancanza in Italia di una vera offerta Flat per connessioni internet di cellulari, anche se Tre sembra che stia preparando una offerta flat per connessioni internet mobile

Le sorprese del VoIP

Come detto e ridetto chiamare tramite la rete conviene se si ha un minimo di expertise tecnologico ma attenzione al tipo di chiamata! L'organizzazione dei consumatori Ak ha analizzato 13 operatori del servizio e ha comparato i prezzi di un'ora di telefonata tra VoIP e telefono fisso. Nessun problema se si parla da un pc a un altro, oppure da un pc al telefono fisso o al cellulare o anche senza pc da un apparecchio a un altro: con "Voice over Internet Protocol", all'interno della rete si puo' parlare anche gratis. Ma le cose cambiano per i numeri di servizio, se si calcolano l'Iva, il consumo elettrico, e la disinvoltura con cui molti operatori fatturano il minutaggio e spesso anche costi non verificabili dall'utente.

  • shares
  • +1
  • Mail