Mps: "Entro il 2018 altri 2.500 tagli sulle risorse"

MPS Bank Former Management Fined Five Million Euros

Dopo gli scandali che hanno coinvolto Monte dei Paschi di Siena, l'amministratore delegato, Fabrizio Viola, ha spiegato che la riduzione dell'organico e la chiusura delle filiali continua, in osservanza alla ristrutturazione definita con la Bce.

Ecco cosa ha detto il manager a riguardo:

"Per la riduzione dell'organico, abbiamo un impegno con la Ue, per arrivare a tagliare 8mila risorse: 5.500 sono già state tagliate, altre 2.500 lo saranno entro il 2018 [..] Vogliamo chiudere 350 filiali, che vuol dire meno costi operativi, per il momento sull'efficienza dei costi questi sono i target. Ma la riduzione dei costi non sarà così forte nel 2016 come nel 2014 e 2015"

Riguardo alle misure per il recupero dei crediti del governo Renzi, Viola si è detto soddisfatto. Ma ha precisato che il decreto ha una sua utilità "per i nuovi crediti deteriorati, non credo per il nostro stock". Intanto Mps è alla ricerca di un partner per la gestione dei crediti deteriorati, che sarà in ogni caso un soggetto differente rispetto alle possibili controparti cui cedere parzialmente i crediti in sofferenza.

Nel primo trimestre, intanto, ci sarebbero novità positive. L'istituto ha registrato il ritorno in bonus di crediti pari a 400 milioni. Inoltre, aggiunge Viola, "tra gennaio e marzo la riduzione dei crediti deteriorati è stata migliore dei trimestri precedenti", "siamo in attesa di sfruttare le nuove opportunità rappresentate dai Gacs (Garanzie del Tesoro sui credit deteriorati) e dal fondo Atlante".

Mps ha chiuso il primo trimestre con un utile netto di 93 milioni di euro, in calo rispetto all'anno passato (143,7 mln), ma al di sopra delle stime degli analisti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail