Tfr: conto alla rovescia. Meno 5 giorni

Mancano solo 5 giorni e i lavoratori dipendenti dovranno decidere dove destinare il loro Tfr o più semplicemente liquidazione. Con le recenti riforme della previdenza complementare oggi si va in pensione con il versamento dei contributi obbligatori e per i giovani la pensione pubblica può arrivare a coprire meno del 50% dell’ultimo reddito. Ecco che allora i lavoratori sono messi di fronte ad una scelta: scegliere il loro fondo pensionistico o mantenere il Tfr dov’è. In ogni caso devono compilare i moduli Tfr1 e Tfr2 da riconsegnare al proprio datore di lavoro. Se entro il termine del 30 giugno 2007 o dei sei mesi dalla data di assunzione, se avvenuta dopo il 31 dicembre 2006, il lavoratore non consegna il modulo al datore di lavoro si realizza un’adesione automatica ai fondi pensione tramite il meccanismo del tacito conferimento del TFR.
Una volta deciso il fondo pensione non si può tornare indietro. Per coloro che invece decidono di tenersi la liquidazione potranno decidere per la previdenza integrativa.
La maggior parte dei lavoratori, circa il 97% ha deciso di lasciare il Tfr in azienda, ritenendola il posto più sicuro.
Ma a detta di Beppe Scienza, matematico dell’università di Torino e consulente di società di gestione e assicurazioni, il Tfr è meglio tenerselo.
In un’intervista pubblicata sul quotidiano City, infatti, il Professor Scienza dichiara che tenersi il Tfr « è una scelta sicura. I fondi pensione convengono se tutto va bene, ma diventano un disastro se le Borse vanno male. Quindi–continua Beppe Scienza–è meglio non giocarsi alla roulette quella riserva che è la liquidazione. O almeno aspettare qualche anno per vedere come vanno i fondi».
Il vantaggio di tenersi il Tfr, secondo l’esperto, è quello di avere subito la liquidazione, che fa comodo in caso si venisse licenziati e non ha costi di gestione. E gli aspetti negativi? Anche tenersi il Tfr ha un rischio, come spiega Beppe Brescia in quanto come tutti i prodotti finanziari, è imprevedibile.
A dir la verità, se vogliamo essere sinceri un pò il salto nel vuoto lo stiamo facendo, non sappiamo veramente bene cosa succederà. Basta solo che dopo non scatti il putiferio, soprattutto perchè “dopo” non siamo più giovani come adesso!
(Una giuda utile per il Tfr)

  • shares
  • Mail