Lavoro per 47.000 infermieri

infermieri-cercasi.jpg

Lavoro per 17 mila infermieri. Tanti sono i posti vacanti in Italia secondo la stima dell’Ipasvi, la Federazione nazionale dei collegi infermieri, per adempiere alla nuova normativa Ue su riposi e turni di lavoro.

Altri 30mila infermieri servirebbero invece per fare fronte alle effettive necessità del territorio secondo i numeri fatti ieri dall’Ipasvi durante il convegno «Il fabbisogno dei professionisti sanitari nei prossimi 20 anni: l’esperienza italiana nell’ambito del progetto europeo» svoltosi presso il Ministero della salute e di cui si legge su ItaliaOggi.

Sono due secondo l’Ipasvi le carenze da colmare, una per rispettare di turni e orari di lavoro previste delle regole Ue, per cui sarebbero appunto necessari 17 mila infermieri in più, e quella legata alle esigenze del territorio per un fabbisogno di circa 30 mila infermieri, visto che autosufficienza e cronicità aumentano con la crescita dell’età della popolazione.

"È indispensabile che il numero di infermieri attivi passi da 6,1 per mille abitanti ad almeno 6,5 per mille abitanti" spiega l'Ipasvi, da qui la proposta portare avanti il progetto degli infermieri di famiglia, competenza che "che può essere assunta attraverso un preciso percorso universitario già attivo in nove atenei e che ha portato alla formazione di circa 5.400 professionisti specializzati" come riporta la nota diffusa dalla federazione professionale.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail