Google, perquisizioni nella sede di Parigi per evasione fiscale

Si parla di 1,6 miliardi di euro di evasione fiscale.

Da questa mattina centinaia di agenti del fisco francese della Brgdf (che sarebbe la Guardia di Finanza transalpina) stanno compiendo perquisizioni nel quartier generale di Google a Parigi, nel IX Arrondissement. Con loro ci sono anche cinque magistrati della procura della capitale francese.

Il ministero dello Finanze sospetta che Google si sia reso colpevole di evasione fiscale per ben 1,6 miliardi di euro. Come è noto un’indagine simile è in corso anche in Italia contro il colosso del web. Sia in Europa sia negli Stati Uniti, infatti, sono in corso varie indagini contro giganti come Google, Facebook e Amazon, che sono accusati di voler evadere le tasse aprendo filiali in Paesi a fiscalità agevolata. I diretti interessati sostengono che si tratti di semplice “ottimizzazione fiscale” e intanto proliferano le società in Irlanda, dove la tassazione è più bassa, mentre vengono snobbati gli altri Paesi europei.

In Italia è la procura di Milano ad aver aperto un’indagine, insieme con la Guardia di Finanza, per una presunta evasione di 800 milioni di euro tra il 2008 e il 2013 e per “sistemare” le cose al colosso di Mountain View sono stati chiesti 300 milioni di euro. Per alcuni mesi ci sono state delle trattative in corso, ma l’accordo non è stato trovato e la Guardia di Finanza ha aperto il contenzioso penale e amministrativo coinvolgendo l’Agenzia delle Entrate. In pratica, se Google riuscirà a trovare un’intesa con il Fisco potrebbe cavarsela con un versamento tra i 220 e i 270 milioni di euro, se invece il contenzioso va avanti, tra penali e interessi, la cifra potrebbe lievitare notevolmente.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail