Brexit, Schaeuble: no accesso automatico a mercato unico e via EBA da Londra

brexit regno unito fuori ue

Brexit, il day after. La Germania, o meglio il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble, mette subito in chiaro che nella trattativa con il Regno Unito sull'uscita dall'Unione europea, che nella migliore delle ipotesi durerà un paio d’anni, non dovranno trovare spazio favoritismi e galanterie “politiche”. Del resto il presidente della commissione Ue Jean-Claude Juncker aveva già sottolineato “out is out”.

Ma Schaeuble mette comunque le mani avanti sostenendo che innanzitutto va evitato qualsivoglia "automatismo sull'accesso al mercato unico" da parte di Londra perché ciò creerebbe un "incentivo perverso" che potrebbe spingere altri Stati dell’Unione a fare lo stesso percorso.

Secondo quanto riferisce il quotidiano finanziario Handelsblatt, che parla di un piano di otto pagine che sarebbe stato redatto dall'entourage di Schaeuble, il ministro pretenderebbe poi che la sede dell'Eba, l'Autorità bancaria europea, venga velocemente trasferita da Londra in un altro Paese europeo dell'Unione.

Schaeuble contesterebbe poi il diritto del Regno Unito a rilevare il prossimo anno la presidenza di turno dell'Ue. Dal documento spunta poi una mano tesa per "un negoziato con uno sbocco costruttivo" che faccia diventare il Regno un partner associato dell'Unione.

  • shares
  • +1
  • Mail