Tax gap IVA al 30%. Orlandi: Cambiare cadenza imposta

aumento iva  tax gap

Il tax gap dell’Iva si aggira al 30% in Italia, ha spiegato il Ministro dell’economia e delle finanze Pier Carlo Padoan a proposito della perdita di gettito dell’imposta sul valore aggiunto. L’accumulo di debiti fiscali nel Belpaese è «allarmante» ha continuato il titolare del dicastero di Via XX settembre aggiungendo poi che l’attività dell’amministrazione finanziaria va razionalizzata, migliorando il coordinamento fra i diversi soggetti.

Il Mef aveva commissionato delle indagini sul tax gap al Fondo monetario internazionale (Fmi) e all’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), rapporti indipendenti che sono arrivati a conclusioni e raccomandazioni uguali: in Italia la pressione fiscale va abbassata e le tasse si devono pagare più semplicemente, come ha riassunto Padoan.

Il direttore dell’Agenzia delle entrate Rossella Orlandi il giorno dopo la diffusione dei report dà la sua ricetta per combattere le frodi sull'Iva: "la tempestività sarebbe un elemento fondamentale", dice, citando Ocse e Fmi che spingono il passaggio da una cadenza annuale delle dichiarazioni a una più frequente.

"Gli enormi crediti fiscali inesigibili sono soprattutto per l'Iva perché l'Iva si volatilizza. Devi impedire la monetizzazione dell'Iva" che rischia di "diventare un bancomat" ha detto oggi la numero uno delle Entrate in audizione alla Commissione sull'anagrafe tributaria.
   

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail