Retribuzioni in aumento a giugno

Retribuzioni giugno 2015

Le retribuzioni contrattuali orarie aumentano dello 0,2% a giugno rispetto al mese precedente e dello 0,7% su base tendenziale, cioè nei confronti di giugno dell'anno scorso. Lo spiega questa mattina l'Istat aggiungendo che nei primi sei mesi del 2016 la retribuzione oraria media è cresciuta dello 0,7% rispetto allo stesso periodo del 2015.

Guardando ai principali macrosettori, a giugno le retribuzioni contrattuali orarie fanno registrare un aumento su base annua pari allo 0,9% per i dipendenti del settore privato e una variazione nulla per i lavoratori della pubblica amministrazione, a causa del blocco della contrattazione.

I settori che a giugno mostrano gli incrementi tendenziali maggiori sono tessile, abbigliamento e lavorazione pelli (3,4%); commercio (2,0%); energia elettrica e gas (1,9%). Variazioni nulle si hanno invece nei comparti legno, carta e stampa, metalmeccanica, servizi di informazione e comunicazione, telecomunicazioni e in tutti i settori della pubblica amministrazione. Variazione negativa invece, dello 0,1%, nel settore acqua e servizi di smaltimento rifiuti.

Tra i contratti monitorati dall'Istat il mese scorso è stato recepito un nuovo accordo e nessuno è venuto a scadenza. In totale i contratti in attesa di rinnovo a giugno 2016 sono 50, dei quali 15 appartenenti alla pubblica amministrazione, e riguardanti 8,2 milioni di lavoratori (di cui 2,9 mln pubblici).

  • shares
  • +1
  • Mail