Tar Lazio: canone Rai in bolletta legittimo

canone rai 2016  da luglio novità

Il canone Rai in bolletta della luce va pagato perché è legittimo. Lo ha stabilito ieri il Tar del Lazio che ha così bocciato il ricorso presentato dal Codacons e Altroconsumo.

Le associazioni dei consumatori avevano impugnato il decreto del Ministero dello Sviluppo Economico che istituiva il canone Rai nella bolletta della luce come previsto dalla legge di Stabilità 2016.

Secondo i consumatori il provvedimento era stato emanato con notevole ritardo e dopo la bocciatura preventiva del Consiglio di Stato ed era da ritenersi illegittimo anche per le numerose incongruenze contenute.

Niente da fare dunque: il canone Rai in bolletta è legittimo e non ci si può sottrarre al pagamento. Per chi invece deve richiedere il rimborso del canone tv pagato mediante addebito sulle fatture elettriche, ma non dovuto, l'Agenzia delle Entrate ha reso disponibile l'apposito modulo che i contribuenti possono inviare con raccomandata allo Sportello Abbonamenti Tv dell’Agenzia delle Entrate o, in modalità telematica ma solo dal 15 settembre 2016.

La domanda di rimborso per canone non dovuto può essere presentata da chi ha i requisiti di esenzione, anche per effetto di convenzioni internazionali, e ha presentato l’apposita dichiarazione sostitutiva. Sono esenti i contribuenti con più di 75 anni e con reddito familiare complessivo non superiore a 6.713,98 euro.

Richieste di rimborso ammesse anche se il contribuente ha pagato il canone con addebito sulle fatture di energia elettrica e lui stesso o un altro componente della famiglia anagrafica ha versato il canone anche con modalità diverse dall’addebito.

Inoltre la richiesta di rimborso si può fare anche quando il cittadino ha pagato il canone inserito nelle fatture di energia elettrica e lo stesso canone è stato corrisposto anche tramite addebito sulle fatture relative a un’utenza elettrica intestata a altro componente della famiglia anagrafica.

  • shares
  • +1
  • Mail