Donne e giovani inattivi: Italia al top in Europa

neet giovani dati istat

Italia al primo posto in Europa per donne in età lavorativa inattive. Certo un non inviabile primato. Quasi una su due nel 2015 era fuori dal mercato (45,9%) l'anno scorso per un tasso di inattività di 20 punti superiore a quello degli uomini (25,9%), secondi in Ue solo a Malta (27 punti).

A fornire il dato è uno studio di Eurostat sulle persone fuori dal mercato del lavoro che spiega come il tasso di inattività dipenda dal sesso, dall'età e dal grado di educazione. Per quanto riguarda la fascia di età 25-54 anni, periodo in cui si dovrebbe essere più "attivi" sul mercato del lavoro, le differenze di genere sull'inattività si rafforzano con l'8,6% di uomini inattivi della media Ue contro il 20,6% delle donne.

In Italia la percentuale delle donne inattive tra i 25 e i 54 anni è pari al 34,1% a fronte dell'11,4% di Slovenia e dell'11,6% della Svezia. Nel sud Italia poi le donne in età da lavoro inattive sono risultate pari al 60,7% contro il 37,3% del Nord.

Il rapporto Eurostat conferma anche l'alta percentuale di inattività tra i giovani: nel 2015 il 58,4% dei 15-24enni era fuori dal mercato del lavoro in Europa (né occupato né in cerca): in Italia questa percentuale è arrivata fino al 73,8%.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail