Pensioni: novità quattordicesima. Ape costa 5% per ogni anno d'anticipo


prelievo solidarietà pensioni d'oro

Pensioni sempre al centro del dibattito: le ultime novità sulle quattordicesime e l'Ape sono state esposte ieri dal sottosegretario alla Presidenza del consiglio Tommaso Nannicini. La 14esima aumenterà di 100-150 euro al mese per chi oggi prende fino a 750 euro di pensione. Invece per i pensionati con assegni fino a 1.000 euro e che finora non prendevano la quattordicesima mensilità si aggiungeranno dai 330 ai 500 euro al mese.

Nannicini ha fatto l'annuncio al Tg2 spiegando che l'esecutivo ha deciso di intervenire sulle pensioni "per esigenze di equità sociale. Dopo anni di tagli alle pensioni era arrivato il momento di dare un segnale, un sostegno ai redditi bassi da pensione".

Alla vigilia dell'imminente incontro governo-sindacati, Nannicini ha proseguito affermando che "dopo anni di interventi per alzare l'età pensionabile e garantire la sostenibilità finanziaria del sistema era arrivato il momento di dare un segnale a chi è disoccupato e fa lavori gravosi".

Nannicini ha spiegato anche quanto dovrebbe costare l'Ape (Anticipo pensionistico): "costerà tra il 4,5% e il 5% per ogni anno di anticipo". Penalizzazione che sarà tale "grazie all'aiuto fiscale dello Stato". Per l'Ape social invece "il reddito ponte sarà invece interamente a carico dello Stato".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail