City addio: grandi banche via da Londra con la Brexit

Banks Fined £2bn By Regulators For Attempted To Manipulation Foreign Exchange Rates

Effetto Brexit: le grandi banche si apprestano a lasciare la City di Londra nei primi tre mesi del 2017 e le più piccole entro Natale secondo l'allarme lanciato dallo Chief executive della British Bankers Association, Anthony Browne: "il dibattito politico e pubblico in questo momento ci sta portando nella direzione sbagliata" ha detto il dirigente.

Una fonte indicata come vicina al ministro per la Brexit David Davis, citata dal Guardian, dice che questi, insieme al Cancelliere Philip Hammond, si stanno sforzando a rassicurare dicendo che è loro intenzione di mantenere lo status della City. Ma a quanto pare non sarà così facile.

"La maggior parte delle banche internazionale ha istituito gruppi di lavoro impegnati nel definire le operazioni da fare per assicurare il proseguimento dei servizi ai clienti, la data entro cui il trasferimento deve avvenire, e come farlo al meglio" ha aggiunto Browne.

Tra le banche pronte a lasciare la City, anche un gigante del calibro di Goldman Sachs: se la Gran Bretagna rinuncerà alla libertà di movimento delle persone all'interno della Ue, qualcosa come 2.000 dipendenti dovrebbero trasferirsi in un'altra città europea. Piazze future in ballo: Francoforte, Parigi, Dublino e Madrid.

  • shares
  • +1
  • Mail