Referendum, FT: Se vince il No rischio di uscita dell'Italia dall'euro

referendum vince no renzi-juncker.jpg

Secondo l'autorevole Financial Times se vincesse il "No" al referendum costituzionale confermativo del 4 dicembre prossimo, l'Italia sarebbe potrebbe precipitare nel caos politico con il rischio di un'uscita dall'euro. È quanto scrive il quotidino economico-finanziario britannico in un editoriale a firma del giornalista Wolfgang Münchau.

L'articolo potrebbe essere letto sia come un assist a favore dei sostenitori del "Si", quindi del governo, sia a favore di quelli del "No" con l'uscita dall'euro che notoriamente è cavallo di battaglia di una certa politica che cavalca l'onda populista.

"Se il primo ministro italiano Matteo Renzi perde al referendum del 4 dicembre, mi aspetterei una sequenza di eventi che solleverebbero domande sulla partecipazione dell'Italia alla zona euro" si legge su FT. "Il referendum importa in quanto potrebbe accelerare il percorso verso l'uscita dell'Italia dall'euro" sottolineando che "se Renzi perde, ha detto che si dimetterebbe, portando al caos politico. Gli investitori potrebbero concludere che è finita. Il 5 dicembre l'Europa potrebbe risvegliarsi con una minaccia immediata di disintegrazione".

Ma l'editorialista mette in guardia anche Parigi: "La probabilità di una vittoria di Marine Le Pen alle elezioni presidenziali non è più un rischio remoto" (...) un'uscita dall'euro della Francia o dell'Italia potrebbe portare al più grande default della storia" è la catasfrofica previsione del giornalista.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail