Lavoro: in Francia legge sul diritto alla disconnessione

Il diritto alla disconnessione è legge in Francia con l'entrata in vigore dall'1 gennaio di una normativa ad hoc. Di cosa si tratta? Il "diritto alla disconnessione" obbliga le aziende con più di 50 dipendenti di stabilire per quest'ultimi modalità e tempi per essere offline al di fuori dal normale orario di lavoro. Ma era necessaria una legge? Sì, spiega l'avvocato Patrick Thiébart, perché nelle imprese "i tempi di riposo non vengono rispettati".

La legge rientra nel quadro della riforma del lavoro adottata in Francia in estate ed entrata in vigore nel 2017. "Il diritto alla disconnessione è un diritto che hanno i lavoratori di non ricevere posta elettronica durante il loro tempo libero, nel week-end, nelle ferie ed è anche un obbligo, un obbligo che ha il datore di lavoro di negoziare con le organizzazioni sindacali un accordo di lavoro per mettere in pratica e stabilire i modi del diritto alla disconnessione" aggiunge l'avvocato.

E ancora: "Se è stata necessaria una legge, è perché il tempo di riposo, in pratica, non viene rispettato. Quando i dipendenti ricevono e-mail di lavoro durante il loro tempo libero, si sentono in qualche modo obbligati a rispondere. E la legislazione ha voluto prendere in considerazione queste situazioni".

Solo che la legge non prevede sanzioni in caso di mancata applicazione del diritto all disconnessione. Basterà la "moral suasion"? Secondo un recente studio più di un terzo dei lavoratori francesi usa ogni giorno dispositivi elettronici e telematici fuori dall'orario di lavoro e il 62% chiedeva una regolamentazione.

Vota l'articolo:
1.00 su 5.00 basato su 1 voto.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO