Libretti anonimi da estinguere: le novità antiriciclaggio

libretti al portatore

Libretti al portatore, anonimi, da estinguere entro il 31 dicembre 2018 secondo quanto previsto dalla normativa antiriciclaggio prevista dal decreto legislativo che recepisce la quarta direttiva in materia approvata dal Consiglio dei ministri il 23 febbraio. Il d.lgs. è arrivato ieri a Montecitorio.

Nel capitolo relativo alle limitazioni all’uso del contante e dei titoli al portatore si spiega dall’entrata in vigore della misura potranno emettere libretti di deposito bancari o postali solo nominativi e sarà vietato il trasferimento dei libretti di deposito bancari o postali al portatore.

Il tutto in ossequio con le leggi antiriciclaggio con suddetta previsione di una estinzione per i libretti al portatore esistenti alla data del 31/12/2018. Il decreto conferma invece le esenzioni degli adempimenti antiriciclaggio per chi predispone le buste paga e le dichiarazioni fiscali.

Per il settore dei giochi il decreto, come riferisce ItaliaOggi, sancisce per distributori ed esercenti del gioco su rete fisica l'obbligo di identificare il cliente che richiede o effettua operazioni di gioco per importo pari o che eccede i 2.000 euro.

Inoltre se si ravvisa il rischio di riciclaggio o finanziamento del terrorismo le misure antiriciclaggio potranno essere prese a prescindere della cifra richiesta. Ugualmente chi gestisce casinò dovrà identificare e verificare i clienti se il valore delle transazioni eseguite per l’acquisto o il cambio dei gettoni, o l’incasso delle vincite, sia pari a importi di 2.000 euro o superiori. I gestori dei casinò sottoposti al controllo pubblico devono identificare i clienti già all’ingresso della casa da gioco.

  • shares
  • +1
  • Mail